Biblioteca vivente

La “biblioteca dei libri viventi”, quando gli uomini diventano libri

Il 5 ottobre, a Udine, si svolgerà la seconda edizione di "In prima persona", l'unica biblioteca in Italia di libri viventi. Per iscriversi, c'è tempo fino al 25 settembre
lettori_libri parlanti

Torna a Udine la seconda edizione di “In prima persona“, altrimenti nota come la biblioteca dei libri viventi, un evento unico in tutta Italia, dove le persone hanno la possibilità di diventare libri per un giorno. Proprio come in Fahrenheit 451 di Ray Bradbury, gli uomini-libro si faranno custodi di una storia, una poesia o un pensiero da consegnare a chi deciderà di ascoltarli. Infatti, chiunque voglia leggere un libro, dovrà scegliere un titolo e a ogni titolo corrisponde una persona seduta in piazza in attesa di raccontasi. Alzare lo sguardo dallo smartphone e trovarsi di fronte un perfetto sconosciuto che ci racconta una storia, magari la sua: queste sì che sono le piccole rivoluzioni.

La prima edizione

Durante la prima edizione sono state più di cinquanta le persone che hanno deciso di mettersi in gioco raccontandosi. “In prima persona” è, infatti, una manifestazione che ha lo scopo di far incontrare tra loro persone che non si conoscono e che per la prima volta si trovano l’una di fronte all’altra per raccontarsi e ascoltarsi.

Siamo un gruppo di persone che vuole rimettere al centro l’umanità come valore fondamentale della nostra esistenza. Viviamo un tempo difficile in cui la paura giustifica l’odio, l’intolleranza e il razzismo. La paura nasce dalla non-conoscenza e per conoscere bisogna fermarsi ad ascoltare. Per questo abbiamo voluto creare un evento che facesse incontrare le persone. Esseri umani che incontrano altri esseri umani, in una relazione di ascolto e di conoscenza

L’edizione 2019

Il prossimo sabato 5 ottobre si svolgerà la seconda edizione: in Piazza Libertàprenderà letteralmente vita una biblioteca, dove i libri sono fatti di persone e i titoli da scegliere rappresentano la loro storia. Gli organizzatori hanno aperto la loro “biblioteca vivente” a chiunque abbia il desiderio o solo semplicemente la curiosità di diventare “libro” pronto a essere sfogliato dagli altri.

Come funziona

Chiunque voglia fare il libro si può iscrivere a ippudine@gmail.com entro il 25 settembre. Quello che si dovrà fare, sarà trovare un titolo alla propria storia, che dovrà durare tra i 5 e i 10 minuti, perché il “libro” potrà essere preso in prestito più volte nell’arco del pomeriggio.

LEGGI ANCHE: “Fahrenheit 451”, le frasi più importanti del capolavoro di Ray Bradbury

© Riproduzione Riservata