Sei qui: Home » Libri » Autori » Insulti omofobi, lo sfogo sui social dello scrittore Pierpaolo Mandetta
il caso

Insulti omofobi, lo sfogo sui social dello scrittore Pierpaolo Mandetta

Pierpaolo Mandetta, scrittore molto attivo sui social, ha commosso tutti con il suo discorso e la sua foto in lacrime dopo degli attacchi omofobi.

Pierpaolo Mandetta pubblica una foto sui social insieme ad un discorso che ci ha commosso, ma anche indignato. “Non mi chiamavano Ricchion* da quando frequentavo le scuole superiori” scrive. Attaccato pubblicamente per essere omosessuale, lo scrittore di 33 anni, racconta l’accaduto con un post di instagram. L’effetto boomerang è immediato: tutti difendiamo la sua storia.

L’omofobia che schiaccia

Si, è il 2021 e ancora dei ragazzini sono in grado di colpire ferocemente un uomo omosessuale. L’omofobia schiaccia ancora la nostra società, ci rende ancora vittime e schiavi della cattiveria e piccolezza umana. La vittima stavolta è Pierpaolo Mandetta, noto scrittore, che pubblicando una foto sui social in lacrime, esprime il suo dolore. La sua foto ci commuove, ci mette davanti ad un razzismo inaudito, che ancora dilaga tra i giovani. I messaggi di solidarietà sono tantissimi e noi, oggi, continuano a difendere la sua storia.

10 frasi per chi ha paura del giudizio degli altri
Giornata mondiale contro l'omofobia

10 frasi per chi ha paura del giudizio degli altri

Il post commovente di Pierpaolo Mandetta

“Non mi chiamavano ricchion* da quando frequentavo le scuole superiori, e oggi, a 33 anni, è successo proprio per mano di ragazzi di quell’età. Non li chiamerò bambini o ragazzini, come a sminuire la cosa o ad attenuarla, perché a quindici o sedici anni non sei un uomo, ma un minimo di educazione civile devi averla. Stasera, intorno alle 17:30, stavo lavorando nel Podere con un amico, ed è passato di fronte al casale un branco di sei ragazzi sui motorini. Passano sempre, ogni pomeriggio, con due cani sciolti, uno nero e uno marrone, ma in genere sono un paio di loro che arrivano fin lì. Stavolta c’era tutta la comitiva. Pensando che io fossi in casa e quindi di non essere visti, uno di loro ha urlato “ricchion*”. Poi si sono accorti che invece ero nel parco e che li avevo riconosciuti, così hanno accelerato e sono usciti dalla campagna. Penso siano tutti figli delle famiglie del Cafasso, il borgo di Capaccio Paestum in cui è situato il Podere.

Non li conosco, non posso sapere se le loro famiglie sono di brave persone che non immaginano di avere figli di merda o se siano delle merde anche i genitori. Ma una cosa la so: credevo che non facesse più male. Di averla superata. Di essere un uomo che ha trasformato quei ricordi in cicatrici e che capisce che là fuori ci sono persone crudeli, bisogna solo resistere. Invece non è così. Ho fatto finta di niente, ho chiuso gli attrezzi nel capanno, sono salito in macchina per tornare a casa e quando ho messo in moto sono scoppiato a piangere. Come se non fosse passato un giorno da quei tempi in cui quei ragazzi di quindici e sedici anni mi chiamavano ricchion* a scuola e mi rovinavano per sempre la vita. Come se avessi ancora paura, e adesso so che è così. Ho ancora paura del mondo. Io so perfettamente cosa vuol dire essere gay in un paese di provincia. Discorsi sull’orgoglio e sul combattere vanno a farsi fottere quando intorno a te hai persone che fanno in modo che tu sia socialmente evitato, escluso o chiacchierato, o quando hai intorno uomini, padri di famiglia, che fanno della virilità un vangelo e conservano il fucile nel garage, per risolvere i problemi.

So perfettamente che tante persone diranno cose del genere alle mie spalle, che penseranno che io faccia schifo e va benissimo. A me non interessa niente di avere il rispetto degli sconosciuti o l’accettazione da gente orribile. Ma di certo non posso sopportare di essere insultato a 33 anni, di provare di nuovo paura nel posto che diventerà la mia casa e mi darà un lavoro. Non posso essere colpito al cuore nel posto in cui vorrei sentirmi più al sicuro. Pubblico questa foto senza vergogna, non importa se così mi rendo vulnerabile o ridicolo, perché ripeto che non è una questione di forza, di lotta o resistenza. Fa male e basta. È una violenza e non è giusto. E la pubblico affinché chi li conosce capisca il dolore che possono causare dei ragazzi di quell’età. Perché se lo fanno a me, vuol dire che lo faranno anche a scuola, e magari stanno distruggendo l’adolescenza a qualcuno come successe ai miei tempi”.

© Riproduzione Riservata
Commenti
Precedente

Marco Balzano, “La scuola del futuro deve educare, non solo istruire”

Perché Il Poeta Pescatore è fra le poesie più belle di Ferlinghetti

Successivo