Scriviamo

Inquietudine – di Sara Ferramola

Era il suo dipinto preferito da sempre. La prima volta che Giulia lo vide in un libro di scuola ebbe l’impressione
Inquietudine - di Sara Ferramola

Era il suo dipinto preferito da sempre. La prima volta che Giulia lo vide in un libro di scuola ebbe l’impressione che le gridasse in faccia tutto l’orrore del mondo, l’ansia dell’uomo e la sua immensa solitudine. Allora era ancora troppo giovane per comprendere fin in fondo il significato di quei sentimenti, ma l’immagine dell’anima che gridava sul ponte rimase impressa a fuoco nei suoi occhi e l’eco di quella voce imprigionata per sempre nelle sue orecchie. Si trattava del celebre “Grido” di Edvard Munch, il famoso artista norvegese del 900.

 

Per continuare a leggere il racconto clicca qui

© Riproduzione Riservata
Commenti