Appalachian Prison Book Project

In America il progetto no-profit che consegna i libri ai detenuti

Dal 2004, l’ “Appalachian Prison Book Project” ha distribuito circa 25.000 libri ai detenuti nella regione degli Appalachi, la catena montuosa situata nella parte orientale del nord America
In America il progetto no-profit che consegna i libri ai detenuti

MILANO – Solitamente, le biblioteche carcerarie di oggi non sono molto curate, hanno libri obsoleti accatastati o disseminati in modo malconcio. Alcune carceri stanno persino tentando di eliminare completamente le biblioteche, obbligando contemporaneamente i detenuti a pagarsi gli e-reader per leggere libri in formato digitale (In Pennsylvania, i detenuti per leggere devono pagare un tablet da $ 147). In America, fortunatamente, esiste un progetto per favorire la voglia di lettura da parte dei carcerati. Si chiama Appalachian Prison Book Project (APBP) è un’organizzazione senza scopo di lucro con sede a Morgantown, West Virginia, che invia libri gratuiti a persone detenute in sei stati negli Appalachi, la catena montuosa situata nella parte orientale del nord America che comprende Kentucky, Tennessee, Ohio, Maryland, Virginia e West Virginia.

La cofondatrice

“La qualità delle librerie è molto irregolare. Le persone non hanno accesso ai libri che desiderano veramente leggere, in particolare se ricercano un argomento specifico. Alcune carceri cercano di fare prestiti interbibliotecari, ma è un servizio che va molto a rilento e limitato”. Parla così Katy Ryan, professoressa alla West Virginia University e cofondatrice dell’ Appalachian Prison Book Project, ai colleghi di Buzzfeed Books. Ryan mostra al giornalista una recente lettera di un detenuto nel Tennessee che descrive la biblioteca nella sua struttura. “La nostra biblioteca qui non è molto grande, e inoltre, per accedere ad esso serve un atto del Congresso. Sono un detenuto indigente e non ho TV, radio, ecc., quindi i libri sono la mia vita. Un collega detenuto ha detto che voi ragazzi potete aiutarmi a ottenere nuovo materiale di lettura.”

Libri importanti per i carcerati

The Appalachian Prison Book Project, fondato nel 2004 da Ryan e dal collega professore (e recentemente eletto sindaco di Morgantown) Mark Brazaitis, è nato in una classe in cui Ryan ha insegnato la letteratura carceraria. “Durante la lettura di opere di persone precedentemente detenute o in carcere, abbiamo appreso quanto fossero importanti per loro i libri – spiega Ryan – Ho detto agli studenti che non sapevo se esistesse un progetto bibliotecario nel carcere nel West Virginia. Abbiamo quindi scoperto che non ce n’era uno nell’intera regione. Quindi, abbiamo preso contatto con quei sei stati e ci siamo impegnati a inviare libri a persone che li volevano “.

Come funziona il progetto

Ryan e dei suoi volontari iniziarono a lavorare in una cantina di una chiesa, per poi finalmente trovare una sede all’interno dell’Aull Center, un edificio storico nel centro di Morgantown dove il piccolo spazio donato degli uffici è impilato in alto con lettere in arrivo e libri in uscita. In ogni momento, ci sono fino a una dozzina di volontari, tutti formati nel sistema APBP, che ricevono lettere di richiesta di libri da parte dei detenuti. La maggior parte dei libri donati proviene dalla comunità locale di Morgantown, ma l’APBP riceve regolarmente anche scatoli pieni di romanzi, guide pratiche e oltre, da tutto il paese. I libri con copertina morbida sono preferiti ai libri a copertina rigida (che sono più difficili da inserire nelle prigioni). “L’ufficio [APBP] è aperto sei giorni alla settimana, così le persone possono entrare e rispondere [alle lettere] a loro piacimento. È intrecciato con le vite delle persone  – spiega Ryan –  Stiamo solo cercando di portare libri a persone che vogliono leggere, e può essere difficile portare i libri in carcere in altri modi”.

Il passaparola

All’interno delle prigioni, le informazioni su APBP si diffondono principalmente tramite passaparola o lettere tra individui detenuti in luoghi diversi. Ryan afferma che prima ancora che il programma fosse ufficialmente attivo e funzionante, ricevevano dozzine di lettere di richiesta dai detenuti di tutti gli Stati Uniti, basati esclusivamente su reti di comunicazione all’interno delle strutture. Il bisogno di libri all’interno delle carceri è forte. La forza trainante di APBP, senza dubbio, è Ryan, che alimenta l’APBP grazie all’entusiasmo della sua comunità, l’aiuto degli studenti della West Virginia University e le modeste donazioni senza scopo di lucro. Ryan è la figlia di un assistente sociale e lavorare con i giovani nel sistema giovanile all’inizio degli anni ’90 l’ha spinta ad impegnarsi a tempo pieno nel movimento per la giustizia sociale.

Cosa vogliono leggere i carcerati

Il programma ha avuto un enorme impatto sulle comunità incarcerate negli Appalachi negli ultimi 14 anni. L’APBP è uno dei circa 30 progetti legati ai libri per i prigionieri negli Stati Uniti, la maggior parte dei quali si concentra su uno specifico stato o area geografica. Da APBP ricevono circa 100 lettere a settimana dai detenuti e hanno distribuito circa 25.000 libri totali fino ad oggi. Gli almanacchi e le enciclopedie sono spesso richiesti e una lista dei desideri di Amazon delinea le loro ultime esigenze: libri sul disegno, western, romanzi di fantascienza, libri di incantesimi, manuali di istruzioni per sopravvivere fuori dalla prigione. Il libro più richiesto, di gran lunga, è un dizionario.

Photocredits: Facebook

© Riproduzione Riservata