I 6 booktrailer italiani più visti su Youtube

Da "Cose che nessuno sa" di Alessandro D'Avenia a "Come Dio comanda" di Niccolò Ammaniti, ecco i 5 booktrailer italiani più visti su Youtube
Booktrailer

MILANO – Il booktrailer è un videoclip, uno spot, un trailer realizzato per pubblicizzare un libro. Attraverso l’utilizzo di suoni, parole e soprattutto immagini sintetizza il contenuto del libro stesso, cercando di ricrearne l’atmosfera. Di fronte al problema della diminuzione dei lettori, il booktrailer, si propone come obiettivo quello di divulgare e promuovere la lettura con un linguaggio simile a quello cinematografico per catturare un pubblico più vasto.

.

IL FENOMENO BOOKTRAILER IN ITALIA – Oltre agli Stati Uniti e Regno Unito, il booktrailer si è rapidamente diffuso in tutto il mondo. Nel 2004 la casa editrice Marsilio realizzò il primo vero booktrailer, per il romanzo “Kiss me, Judas” di Will Christopher Baer. Seguì l’esempio la casa editrice Mondadori, con il booktrailer de “Il totem del lupo” e di Come Dio comanda di Niccolò Ammaniti, anche se l’utilizzo di tale forma pubblicitaria rimane comunque poco utilizzata. Scopriamo insieme i 5 booktrailer italiani più visti su Youtube.

.

Il rumore dei baci a vuotodi Luciano Ligabue (2012 – 88.312 visualizzazioni)

Amici, ferie disastrose, figli, semafori rossi, bugie, giornate sorprendenti, prove di coraggio, artisti reclusi, carcerati che provano a ridere, coppie che si perdono e che si ritrovano. Sono alcuni dei protagonisti di questa raccolta con cui Luciano Ligabue torna al suo primo amore letterario: il racconto. Non c’è più di tanto da stupirsi che sia quello di un’artista come Ligabue uno dei booktrailer più visti in Italia, simile ai numerosi video musicali che ci hanno raccontato in questi anni il cantante.

.

 “Cose che nessuno sadi Alessandro D’Avenia (2011 – 72.751 visualizzazioni)

Dopo il grande successo del romanzo d’esordio “Bianca come il latte, rossa come il sangue”, Alessandro D’Avenia torna con questo libro racconta con coraggio e vibrante partecipazione l’adolescenza, i suoi tormenti, i suoi enigmi e insieme la sua spensieratezza e vitalità; ma questa volta ai suoi giovani protagonisti affianca personaggi adulti colti nel passaggio stretto di una crisi: quello che prima o poi capita a tutti, rivelando fragilità e desideri che ci portiamo dentro e appartengono ai ragazzi che siamo stati. Cose che nessuno sa ha il passo lungo di una grande storia: quella di tutti coloro che sanno guardare in faccia i propri fantasmi e compiere il viaggio avventuroso che li riporterà a casa.

.

Le Giovanneidi” di Gandolfo Quercia (2016 – 63.796 visualizzazioni)

Forse poco conosciuto ai più, si colloca al terzo posto di questa speciale classifica il libro “Le Giovanneidi” di Gandolfo Quercia. Il giovane autore ha solo 18 anni e la sua storia è diventata virale perché i ricavati del suo libro saranno utilizzati per sostenere il lavoro di Actionaid, associazione impegnata contro la povertà e l’ingiustizia sociale. “Invito tutti gli italiani ad aiutarmi a compiere questa impresa non per il mio interesse, ma per il bene di tutti. Diamo una svolta a questo paese per costruire un presente e un futuro migliore.” Questo l’invito del giovane che, viste le visualizzazioni, sembra essere riuscita a  raggiungere l’obiettivo. Il protagonista è un eroe giovane, con le sue incertezze e debolezze, ma che racchiude in sé la forza e l’entusiasmo tipici della giovinezza, sostenuti da un grande cuore, da un incrollabile senso della giustizia e dalla irremovibile convinzione che alla fine il bene vince sempre sul male.

.

Fai bei sognidi Massimo Gramellini (2012 – 53.393 visualizzazioni )

“Fai bei sogni” è la storia di un segreto celato in una busta per quarant’anni. La storia di un bambino, e poi di un adulto, che imparerà ad affrontare il dolore più grande, la perdita della mamma, e il mostro più insidioso: il timore di vivere. “Fai bei sogni” è dedicato a quelli che nella vita hanno perso qualcosa. “Fai bei sogni” è soprattutto un libro sulla verità e sulla paura di conoscerla. Massimo Gramellini ha raccolto gli slanci e le ferite di una vita priva del suo appiglio più solido. Una lotta incessante contro la solitudine, l’inadeguatezza e il senso di abbandono, raccontata con passione e delicata ironia.

 

.

La traccia dell’angelodi Stefano Benni (2011 – 12.504 visualizzazione)

La fantasia visionaria e surreale di Stefano Benni parla di Morfeo che combatte la sua lotta nella vita di tutti i giorni. Morfeo cresce, diventa scrittore, incontra il mondo e i suoi curiosi abitanti: ha amici, passioni, e un amatissimo figlio. Ma tutto il suo cammino è segnato dalla malattia, forse eredità di quella ferita, forse no, che lo rende diverso e non mette d’accordo i medici, tantomeno l’industria delle cure. Una sarabanda di personaggi e maschere, mostrata da una prosa coloratissima nella quale viene voglia, a lettura ultimata, di riimmergersi, di rileggere, per affidarsi alla musica di quel movimento, alla musica delle parole.

.

Come Dio comandadi Niccolò Ammaniti (2008 – 10.456 visualizzazioni)

A cinque anni dallo strepitoso successo di Io non ho paura, diventato anche film nel 2003 con la regia di Gabriele Salvatores, Niccolò Ammaniti nel 2008 tornò a far parlare di sé con un nuovo romanzo che, oltre a raccontare la storia di un ragazzino e suo padre, ci restituisce anche un ritratto dell’Italia d’oggi, con le sue trasformazioni, le sue contraddizioni, le sue brutture. In un paesaggio di desolanti periferie, dove si susseguono centri commerciali capannoni e baracche, si snodano le esistenze di Rino e Cristiano Zena: il loro complicato e tragico rapporto di padre e figlio è il fulcro del romanzo di Ammaniti, da cui si dipanano i rivoli di una vicenda apocalittica in cui convivono orrore e disincantato umorismo.

.

ACQUISTA IL LIBRO "FAI BEI SOGNI" DI MASSIMO GRAMELLINI QUI
© Riproduzione Riservata