Sei qui: Home » Libri » Autori » Francesco Costa, “Guardare al passato per cercare di prevedere il futuro”
l'intervista

Francesco Costa, “Guardare al passato per cercare di prevedere il futuro”

Abbiamo intervistato Francesco Costa, giornalista e vice-direttore del "Post", sul suo nuovo libro "Una storia americana".

“Bisogna guardare al passato, per cercare di prevedere il futuro”. Scrive così Francesco costa, giornalista, esperto di USA e vice direttore del giornale “Il post”, nell’intervista sul nostro account  Instagram. Abbiamo avuto modo di parlare del suo nuovo libro “Una storia americana” (Mondadori) e del prossimo futuro degli Stati Uniti con Joe Biden e Kamala Harris. L’analisi acuta di Francesco Costa si rivela un ottimo punto di partenza per riflettere sul nostro presente. Qui la sua intervista su Instagram e su Youtube

Joe Biden e Kamala Harris per ricostruire l’America

Joe Biden e Kamala Harris sono, rispettivamente, il 46esimo presidente degli Stati Uniti e la prima vice-presidentessa donna della storia. Due personalità di grande spessore ed esperienza, con caratteri e carriere diverse ma estremamente complementari. 

Dopo che questa estate Joe Biden ha scelto Kamala Harris come vide presidente,  ho cominciato a ragionare su come queste due persone, con i loro limiti e i loro errori, avessero attraversato dei pezzi della storia del paese.   Nel libro racconto questi personaggi diversissimi anagraficamente, dal punto di vista etnico, provenienza geografica, che hanno intercettato dei fenomeni enormi della storia, non come una semplice biografia, ma utilizzando degli episodi e delle scene delle loro vite. Ho tracciato il contesto in cui si è evoluta la loro parabola.”

Empatizzare con la politica

Raccontare un paese complicato come gli Stati Uniti d’America attraverso le vicende e le vite dei due protagonisti dell’attuale Washington, rende più semplice l’interesse e l’empatia verso la politica. Nel raccontare queste figure così complesse ed affascinanti, quale è la cosa che ha colpito di più un giovane e preparato giornalista come Costa? Risponde così:

“Quando si parla di Biden e delle tragedie che hanno costellato la sua vita e la sua carriera, ci si sofferma sui grandi eventi come la morte della prima moglie e due figli. Studiando e leggendo ho scoperto, però,  che ci sono state molte piccole cose che hanno messo alla prova la salute di Biden. E quello che mi ha colpito è il rapporto e la vicinanza dell’attuale moglie Jill Biden, in tutte queste difficoltà. Tra loro due c’è un amore, un rispetto e un appoggio reciproco davvero invidiabile. Lui è stato un uomo in grado di rialzarsi e reinventarsi, sempre, insieme ad un grande amore. Di Kamala Harris, ovviamente, la sua grande dedizione e il suo grande coraggio nel farsi spazio in un mondo prettamente maschile.”

Il fascino della politica Americana

I giovani Italiani sono sempre più vicini ai movimenti e al destino della politica Americana. Questo perchè, in qualche modo, ogni giorno abbiamo a che fare con quest’ultima. A riguardo, Costa ha detto:

“Cinema, serie tv, grandi romanzi, Amazon, social, google e molto altro viene dall’America. Da qui parte l’interesse, da parte di noi italiani, verso questo paese e la sua politica. Altra caratteristica della politica degli USA, che la rende affascinante, è la sua apertura. Un giovane 29enne come Biden, negli anni ’70, si è potuto fare spazio tranquillamente grazie al suo talento. Stessa cosa ha fatto Alexandria Ocasio-Cortez nel 2018. Questa possibilità di fare carriera in base alla meritocrazia, lo spazio dato al talento, avvicina i giovani e li fa sentire più partecipi. “

Il nuovo giornalismo di Francesco Costa

Francesco Costa è nato con la passione per il giornalismo. Passione che poi si è avvicinata agli Stati Uniti d’America, diventati il suo oggetto di studio principale. Così inizia la sua escalation che lo vede oggi attivo sul suo blog, il giornale “Il post” (del quale è il vide-direttore), Newsletter, podcast e libri. A proposito del suo podcast “Da costa a costa”, lui dice:

“Per un giornalista è fondamentale usare diversi mezzi. Noi giornalisti tendiamo a lamentarci che la gente comune non legge più giornali cartacei. Io credo che sia compito del giornalista, quello di trovare nuovi mezzi e strumenti per arrivare in maniera più efficace alle persone. I podcast sono un ottimo modo per fare informazione. Si possono ascoltare  in qualsiasi momento della giornata, sentendosi vicini a chi “parla” e trovando, così, la notizia più interessante. I podcast intrattengono chi ascolta e questa  è la cosa più attraente di questo mezzo”

 

 

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Commenti
Precedente

Racconti tradotti in lingua dei segni, l’iniziativa di Rivista Blam

“Sulla strada” di Jack Kerouac, le frasi più belle tratte dal libro

Successivo