il discorso

Editoria, Franceschini: al via tavolo per la legge sul libro e la lettura

Il ministro della cultura Dario Franceschini promette il sostegno all'intera filiera del libro per aumentare il numero dei lettori in Italia
Editoria, Franceschini: al via tavolo per la legge sul libro e la lettura

Sostenere la filiera del libro in Italia. Lo ha promesso il Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini, in un video messaggio per l’apertura di “Io leggo perché“, manifestazione promossa dall’Associazione Italiana Editori insieme al Centro per il Libro e la Lettura.

Il discorso di Dario Franceschini

“Intendiamo sostenere un settore fondamentale, anche attraverso la partenza di un tavolo che ha cominciato ieri il proprio lavoro per dare al nostro Paese una legge che, come la legge per il cinema, aiuti tutta la filiera del libro: gli autori, gli editori, i distributori, le librerie, le biblioteche. Un impegno importante, che deve essere supportato da una forte coesione del mondo del libro. Non più concorrenza a vicenda, ma lavoro come un’unica squadra che cerca di aumentare il numero dei lettori e di favorire la lettura”.

La riscoperta del piacere della lettura

Il ministro Franceschini sottolinea come, anche nelle situazioni più drammatiche, resti sempre qualche traccia positiva. In questo senso, l’esperienza del lockdown, la limitazione dei nostri spostamenti, ha consentito a molte persone di riscoprire il piacere della lettura. “Questo resterà – ha considerato il Ministro  – perché chi si avvicina al piacere della lettura, prosegue per tutta la vita. Credo si debba investire su questo, così come dobbiamo investire sul fatto che molti decisori politici lontani tradizionalmente dalla cultura, hanno capito l’importanza che ha nelle nostre società, e in particolare in Italia, l’investimento in cultura.

La legge per il libro

Infine, il ministro Franceschini sottolinea come abbia aiutato la lettura con il sostegno alle librerie, rimaste aperte nelle zone rosse come gli altri servizi essenziali, e il sostegno alle piccole case editrici. “Un sostegno che ora prosegue – ha concluso il Ministro – con il lavoro per la legge per il libro”.

© Riproduzione Riservata
Commenti