Sei qui: Home » Libri » Dantedì, ecco gli appuntamenti da non perdere il 25 Marzo
Dantedì

Dantedì, ecco gli appuntamenti da non perdere il 25 Marzo

Il 25 marzo si celebra il Dantedì, la giornata dedicata al Sommo Poeta. Ecco per voi gli eventi da non perdere.

Il 25 marzo si celebra il Dantedì, ovvero la giornata dedicata al sommo poeta fiorentino. Al suo secondo anno, questa giornata conta centinaia di eventi in calendario. Un grande risultato per la cultura Italiana, che si vede pronta a fiorire durante questa giornata. Il ministro della cultura, Franceschini, si dice orgoglioso delle numerose iniziative. Ecco dove scoprire gli appuntamenti imperdibili della giornata.

Le iniziative del Dantedì 

Qui, sul sito web del Ministero della Cultura, è disponibile un ricco palinsesto di iniziative, in continuo aggiornamento, alla portata di tutti coloro che, nonostante questo Coronavirus, vorranno celebrare Dante Alighieri durante il Dantedì. Sono più di 200 e comprendono webinar, mostre digitali, video, dirette streaming, live su YouTube con letture, seminari, performance, esposizioni di documenti d’archivio, codici e manoscritti danteschi, tour virtuali. Un evento che vedrà partecipi enti, musei, biblioteche, scuole, testate giornalistiche, profili social di tutto il mondo e che culminerà nella diretta serale Rai dal Quirinale, dove Roberto Benigni reciterà il XXV canto del Paradiso”

Libreriamo per Dante

Tra le tante iniziative culturali, anche noi di Libreriamo vogliamo dare un forte contributo alla celebrazione del più grande poeta Italiano. Oltre alle numerose rubriche dedicate alle sue frasi più celebri e alla spiegazione di alcuni passi della Commedia, domani vi proponiamo due incontri speciali, in diretta sul nostro account instagram:

  • Ore 9:30 con Aldo Cazzullo per parlare del suo libro “A riveder le Stelle”
  • Ore 20:00 con Dario Pisano (docente e scrittore) ci confronteremo sull’attualità della figura di Dante 

Orgoglio per il Dantedì

Il Ministro alla cultura Dario Franceschini si dice estremamente orgoglioso della grande mobilitazione digitale nel nome di Dante.

“Siamo appena al secondo anno del Dantedì e già assistiamo a una crescita enorme delle iniziative, nonostante il momento difficile che stiamo attraversando. Sono centinaia gli eventi in tutta Italia nei musei, nei teatri, nelle biblioteche e negli archivi. La gran parte sono in streaming, ma danno la prova esatta di quello che in poco tempo è successo intorno al Dantedì, con la mobilitazione e il coinvolgimento di tutti i livelli istituzionali, di tante associazioni culturali. Questo ci fa capire quello che succederà nei prossimi anni, quando saremo usciti da questa terribile epidemia: il Dantedì diverrà un pezzo stabile e importante della storia d’Italia. Dopo decenni in cui si celebrerà – ha concluso il Ministro – ci ricorderemo di queste prime edizioni, svolte durante la pandemia, ma che lo hanno fatto partire con così tanta determinazione”.

 

© Riproduzione Riservata