Diritto di satira

Condivide vignetta blasfema sull’Islam, ucciso lo scrittore giordano Nahed Hattar

Secondo i media giordani, a sparare sarebbe stato un imam quasi cinquantenne turbato dalla vignetta condivisa dallo scrittore

MILANO – Assassinato con tre colpi d’arma da fuoco davanti ad un tribunale dove doveva apparire per aver pubblicato una vignetta blasfema sull’Islam. E’ questa la tragica fine dello scrittore giordano Nahed Hattar.

 

LA VIGNETTA – Secondo i media giordani, a sparare sarebbe stato un imam quasi cinquantenne, Riad Abdullah, proveniente da un quartiere povero della capitale. L’uomo avrebbe confessato di aver sparato perché turbato dalla vignetta condivisa dallo scrittore, raffigurante un jihadista a letto con due donne in una tenda, mentre chiedeva a Dio di portargli vino e anacardi.

 

vignetta Islam

 

INSULTO ALL’ISLAM – Lo scrittore giordano Hattar era stato fermato il mese scorso con l’accusa di “incitamento alla discordia confessionale e insulto all’Islam” e per aver pubblicato “materiali di stampa, immagini o disegni tesi a ferire la fede o la sensibilità religiosa”. Liberato su cauzione, Nahed Hattar rischiava fino ad un anno di carcere. Su Facebook aveva speigato che non intendeva offendere i musulmani, ma semplicemente far capire  la distorta visione religiosa dei terroristi dell’Isis.

 

Photocredits: Twitter

© Riproduzione Riservata
Commenti