Sei qui: Home » Libri » Come si legge un libro – Parte prima: i romanzi

Come si legge un libro – Parte prima: i romanzi

Leggere un libro. Niente di più semplice. Oppure no? Avete mai pensato di aver bisogno di una guida per imparare a godervi al massimo questa esperienza? WikiHow ha pubblicato un articolo dedicato proprio a questo...

Esiste una procedura corretta per portare a termine questa operazione, a prima vista tanto naturale? WikiHow ha pubblicato una guida apposita  per aiutare a non sbagliare più nemmeno una virgola e diventare lettori provetti e soddisfatti

 

MILANO – Leggere un libro. Niente di più semplice. Oppure no? Avete mai pensato di aver bisogno di una guida per imparare a godervi al massimo questa esperienza? WikiHow ha pubblicato un articolo dedicato proprio a questo. Quattro semplici passi per diventare lettori più consapevoli, e più felici.

SCEGLIERE UN LIBRO – Leggere è un piacere, quindi il primo passo è pensare agli argomenti che vi interessano di più. Una volta che vi siete chiariti le idee in questo senso, ci sono tantissimi modi per associare alle vostre preferenze il titolo giusto. Un’ottima opzione è andare in biblioteca. Qui non dovete pagare, per sfogliare un libro! Chiedete aiuto al personale per sapere dove cercare romanzi legati alle vostre passioni. Oppure potete rapportarvi con le persone intorno a voi. Amici, familiari, compagni di scuola o colleghi. Tutte queste persone potrebbero essere capaci di consigliarvi libri in base a quello che sanno di voi. Internet è un altro serbatoio pressoché infinito di buoni consigli. Lettori di tutto il mondo sono sempre più che entusiasti di condividere impressioni e idee su autori e titoli. Cercate una community e immergetevi nella sezione che vi interessa per avere decine e decine di spunti. In alternativa, in molte città esistono club del libro o simili. Potreste incontrare persone con gusti simili ai vostri, conoscere nuovi autori e parlare di libri.

PROCURARSI IL LIBRO CHE SI VUOLE LEGGERE
– Una volta che avete fatto la vostra scelta, non vi resta che procurarvi il libro prescelto. Passaggio non banale, dati i tanti modi con cui si può portare a termine il compito. L’alternativa più economica è senz’altro la sopracitata biblioteca. State solo attenti alla popolarità del romanzo che avete scelto. Per alcuni titoli la lista di attesa può rivelarsi davvero lunga. Se invece siete in vena di concedervi un regalo, la libreria vi aspetta. Il vantaggio di possedere la propria copia è ovvio: potrete leggerla e rileggerla ogni volta che vorrete. Fate solo un piccolo controllo prima di pagare. La lettura di poche pagine del prescelto vi dirà subito se lo stile dell’autore fa davvero per voi. Un’altra possibilità è il prestito. Forse uno dei vostri amici o familiari ha una copia del libro che volete tanto leggere e sarà più che felice di condividerlo con voi. Data la diffusione di e-reader e tablet, oggi si può leggere anche senza avere fisicamente della carta tra le mani. Se possedete un dispositivo adatto, potete comprare il vostro libro comodamente seduti a casa vostra e iniziare a leggere senza spostarvi da lì. Minor costo e maggiore praticità, almeno secondo alcuni.

LEGGERE IL VOSTRO LIBRO – Fatto. Il libro tanto desiderato è finalmente nelle vostre mani. Ora si tratta di leggere. Anche per questo, qualche consiglio salva-vita. Siete seduti comodi? Avete la giusta luce? Se la risposta è sì, potete guardare alla prima pagina. Una delle scelte che potreste trovarvi a prendere è se avventurarvi o meno nel materiale che si trova prima dell’inizio della storia vera e propria. Ringraziamenti, Prefazione, Premessa e Introduzione. Se siete lettori impazienti, magari potreste lascarvi questo corredo per dopo. Idem, se temete che qualche commento dello scrittore o del commentatore possa rovinarvi la lettura. Ma la scelta è solo vostra. Stessa cosa per quello che riguarda i materiali conclusivi. Appendici, saggi finali e chi più ne ha più ne metta. È una decisione del tutto personale, non obbligatoria.

DARSI DEI TEMPI – Il tempo vola, quando ci si diverte (o si legge un buon libro). Siate certi di avere sempre a portata di mano il vostro segnalibro, così da poter tenere il segno e non perdervi. Alzatevi anche, di tanto in tanto. Stare troppo tempo nella stessa posizione potrebbe non rivelarsi una grande scelta, alla fine della lettura. Sgranchirvi le gambe e controllare l’ora vi aiuteranno anche a non mancare appuntamenti importanti o venire meno ai vostri impegni perché… siete persi in un buon libro.

Allora, cosa ne pensate? Seguirete questi consigli la prossima volta che vorrete leggere qualcosa? O avete già una routine e delle abitudini tutte vostre, quando si parla di scelta di libri e di lettura in generale?

 

Roberta Turillazzi

 

28 settembre 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata