“Città dei libri”, un progetto speciale realizzato dai bambini milanesi

I bambini di Milano si sono improvvisati architetti e hanno costruito una città di libri ispirati alle loro storie preferite
I bambini di Milano si sono improvvisati architetti e hanno costruito una città di libri ispirati alle loro storie preferiti

MILANO – La scorsa primavera, presso la Kasa dei libri di Milano si è svolta una attività davvero interessante. Ma che cosa è esattamente la “Kasa dei libri”? Si trova in Largo De Benedetti 4 a Milano ed è stata fondata dall’intellettuale Andrea Kerbaker.

KASA DEI LIBRI – Un luogo aperto al pubblico, ma solo su appuntamento, in cui è possibile godere di alcune mostre ospitate nei suoi uffici. Ma non solo, è anche uno spazio museo grazie al suo fondatore. Kerbaker è infatti un grande collezionista di libri e gran parte di essi sono ospitati proprio nelle stanze di questo palazzo di Milano. Uno spazio, quindi, dedicato al mondo del libro che ha mostrato una grande attenzione al mondo dei bambini.

LA CITTA’ DEI LIBRI – La Kasa dei libri ha promosso un’attività davvero unica. In uno dei suoi spazi ha dedicato 5 mq a un’iniziativa speciale: “La città dei libri”. Ha diviso poi le fondamenta di questa città in diversi quartieri, ciascuno dei quali dedicato ai grandi classici dell’infanzia, da “Pinocchio” ad “Alice nel Paese delle Meraviglie”. I bambini di 10 classi di Milano hanno poi dovuto improvvisarsi architetti per costruire i palazzi, le vie, le strade e le piazze di questa città. Ovviamente hanno potuto usare solo mezzi davvero particolari, mattoncini di gommapiuma a forma di libro. Le vie, le piazze e i palazzi potevano essere chiamati a loro discrezione.

COME E’ ANDATA? – I bambini, stupiti dal luogo in cui sono stati catapultati, si sono messi subito al lavoro. Dopo aver conosciuto i protagonisti del luogo i bambini si sono divertiti a costruire case, strade, piazze, labirinti, cascate e qualsiasi cosa balenasse loro in mente utilizzando dei piccoli libri. Così hanno creato diversi quartieri ognuno dei quali ha ospitato i protagonisti di libri per l’infanzia. Allora via Hogwarts ha incrociato la piazza “Isola che non c’è” per sbucare “Nel Paese delle Meraviglie”. I risultati sono stati davvero soddisfacenti. Una volta realizzata, “La città dei libri” è oggetto di tour per le scuole di Milano per mostrare come i libri non siano assolutamente qualcosa di noioso, ma qualcosa con cui si può giocare e divertire.

 

30 settembre 2015 

© Riproduzione Riservata