Abitudini letterarie

Casa o luogo all’aperto, dove i lettori preferiscono leggere

Abbiamo voluto chiedere ai nostri lettori dove preferiscono leggere, se nella calma della propria casa o in un luogo particolare all'aperto
Casa o luogo all'aperto, dove i lettori preferiscono leggere

MILANO – Chi ama i libri, lo sa. Leggere è un’avventura intima e personale che ognuno vive a modo suo. Abbiamo più volte parlato delle abitudini dei lettori e a volte anche delle loro abitudini più strane. E’ a tal proposito che attraverso un sondaggio sulla nostra pagina Facebook, abbiamo voluto chiedere ai lettori stessi dove preferiscono leggere, se nella calma della propria casa o in un luogo particolare all’aperto. Ecco i risultati e alcuni dei commenti.

Leggere a casa propria

I risultati parlano chiaro. Con una netta maggioranza, pari al 73 %, i lettori preferiscono dedicarsi alla lettura di un buon libro godendo della tranquillità della propria casa. Complice di questo risultato sicuramente la voglia di riparsi dal freddo durante l’inverno. D’altronde si sa, chi non ama rifugiarsi sotto le coperte o rilassarsi davanti al camino con un libro e una tazza di thè? Accade sovente che una volta intrapresa la lettura, in molti si lasciano trasportare da questo piacere, diposti a rinunciare all’ultimo minuto agli impegni precedentemente presi. C’è chi poi anche nelle belle stagioni, restando a casa decide di dedicarsi alla lettura in veranda, cullato su un’amaca o nella tranquillità del proprio giardino. Da tener presente che la scelta è motivata anche dalla voglia di non lasciarsi coinvolgere dalle distrazioni che inevitabilmente i luoghi pubblici comportano. Difficilmente, infatti, si riesce a rinunciare al piacere di fare le ore piccole nel tepore del prorio letto, pur di portare a termine la lettura.

Leggere nei luoghi all’aperto

Nonostante la netta sconfitta, una buona parte dei lettori dichiara di lasciare volentieri il comfort e la tranquillità casalinga e godere dei primi caldi raggi del sole in compagnia dell’ultimo libro acquistato. E non c’è periodo migliore di questo per dedicarsi completamente alla natura e al piacere della lettura. Anche perchè un buon lettore difficilmente riesce a rinunciare ai libri, inverno o estate che sia. Chi ha a disposizione molto tempo libero non rinuncia a qualche ora sotto l’ombra di un albero al parco o sulle tranquille panchine in città. Alcuni lettori dichiarano di aver preso l’abitudine della lettura in luoghi pubblici, complice il poco a tempo a disposizione. La vita frenetica, gli impegni e il lavoro, hanno indoto molti ad abituarsi alla lettura a piccole dosi nei momenti vuoti durante a giornata. D’altronde se non fosse così in molti si troverebbo costretti a rinunciare alla lettura. I momenti preferiti così diventano i viaggi in treno, gli spostamenti in metro e le pause pranzo. Chi non cede al suo lato più poetico e romantico, invece, non rinuncia invece al piacere della lettura al mare durante le ore più tranquille o addirittura in riva a un fiume sotto un salice piangente. Insomma, qualunque sia il luogo preferito, ciò che ci auguriamo è di continuare a immergerci in storie in grado di portarci in luoghi a noi lontani.

© Riproduzione Riservata
Commenti