Bookcity

Bianca Berlinguer e la sua amicizia con Marcella di Fosco, la prima donna transessuale in Italia

"Storia di Marcella che fu Marcello" è la confessione che Marcella Di Folco ha affidato a Bianca Berlinguer. È il racconto in prima persona di una vita appassionata e difficile, una lunga e generosa ricerca della felicità

Bookcity si tinge d’arcobaleno con l’incontro alla Feltrinelli di Piazza Duomo, dove Bianca Berlinguer ha presentato in dialogo con Daria Bignardi il suo primo libro Storia di Marcella che fu Marcello. Un libro attraverso cui la voce di Marcella di Folco torna a vivere e raccontare la sua incredibile esistenza. Prima donna transessuale a entrare in politica, Marcella di Folco è stata un’attivista per diritti umani, una militante agguerrita, un’attrice, ma soprattutto una donna complicata, intensa, con una vitalità difficile da restituire a parole. Prima di morire ha chiesto a Bianca Berlinguer, sua amica e confidente, una sola cosa: “Racconta la mia storia”. 

La storia di Marcella che fu Marcello

La vita di Marcella Di Folco, all’anagrafe Marcello, inizia in un quartiere di Roma nel 1943 e prosegue in una lunga ricerca che la porterà a diventare pienamente donna nel 1980, dopo un intervento chirurgico a Casablanca. La sua è una storia straordinaria, la prova di un’esistenza vissuta sotto il segno del coraggio, ma anche costellata di dolore. Cambiare sesso negli anni Ottanta significava scontrarsi con un muro di pregiudizi e diffidenza, voleva dire mettere a rischio la proprio salute con un’operazione delicata, complessa, che ancora pochissimi medici erano disposti ad affrontare. Ma, nonostante le difficoltà, Marcella non si fermò mai davanti agli ostacoli che la società le pose davanti. Era una persona energica, coraggiosa, determinata a dar voce alla donna che sentiva dentro di sé, determinata a inseguire la sua felicità, a costo dell’esclusione e dei pregiudizi che le piombavano addosso come macigni. Cambiare sesso fu la più grande liberazione che Marcella potesse vivere. Le sue nevrosi, insieme alla frenesia sessuale che l’aveva abitata per anni, si dileguarono. Marcello aveva lasciato posto a Marcella, le aveva regalato uno spazio di libertà, le aveva dato un corpo

L’amicizia con Bianca Berlinguer

Bianca e Marcella si incontrarono per la prima volta al Gay Pride di Venezia. Era il 1997 e il corteo del Pride sfilava sotto una pioggia battente. Marcella si accostò a Bianca e le chiese se volesse riparo sotto il suo ombrello. Quello fu l’inizio di una lunga amicizia, durata quasi quindici anni, fino alla morte di Marcella nel 2010. Introversa e discreta, Bianca fu travolta dalla vitalità prorompente di Marcella, inondata dalle sue emozioni. Due persone diversissime che si incontravano su quel piano profondo della vita, dove ci si elegge per affinità d’animo, e non per carattere. Con questo libro, la voce discreta di Bianca Berliguer riesce a fare quello che pochi altri avrebbero saputo fare: raccontare la straordinaria figura di Marcella di Fosco senza ridurla a una macchietta, senza farne un’eroina dei tempi moderni, senza eluderne le contraddizioni. È semplicemente la storia di Marcella che fu Marcello.

 

© Riproduzione Riservata