Un riconoscimento speciale

Andrea Camilleri nominato cittadino onorario di Agrigento

A 90 anni Andrea Camilleri e' diventato cittadino onorario della città di Agrigento, città a cui lo scrittore è da sempre profondamente legato

MILANO – “Uno può vincere un premio letterario ma avere la cittadinanza onoraria significa che un intero paese ti dice ‘voglio che tu sia dei nostri’. È un gesto di affetto e di stima che non può che gratificarmi e commuovermi”. Con queste parole Andrea Camilleri ha commentato il conferimento della cittadinanza onoraria di Agrigento conferitagli questa mattina in Campidoglio alla presenza di Dario Franceschini, del ministro dei Beni e delle attività culturali.

.

GRANDE EMOZIONE PER LO SCRITTORE  – “Ad Agrigento, ha spiegato Camilleri, mi sono formato, ho avuto i miei piu’ grandi amici. Ho fatto il liceo classico, avevo due professori degni di essere chiamati maestri. Il loro insegnamento me lo sono portato dentro fino ad oggi. Agrigento e’ come una nave gigantesca che con la sua prua di templi ha solcato la storia”. Tra ricordi e riflessioni sul presente lo scrittore ha parlato poi della nonna Elvira “che mi ha aperto la fantasia” e dell’editrice Elvira Sellerio che “e’ stata la persona piu’ sensibile, dopo mia moglie, nei riguardi della mia scrittura. Quella che mi ha dato i consigli piu’ preziosi di cui tengo conto ancora oggi”. E delle statue coperte in Campidoglio per la recente visita dei presidente iraniano Hassan Rohani, ha sottolineato: “Per me le possono scoprire come vogliono. Io adoro la nudita’ dell’uomo e della donna, soprattutto quella della donna naturalmente”

.

LE PAROLE DI FRANCESCHINI – “Il conferimento della cittadinanza onoraria di Agrigento ad Andrea Camilleri è la dimostrazione che la letteratura italiana può essere veicolo vincente nel mondo”. Questo il commento del Ministro della Cultura Dario Franceschini.

.

© Riproduzione Riservata
Commenti