La prima volta di Firenze

Al via “Firenze Libro Aperto”, la nuova fiera dell’editoria internazionale

Da venerdì 17 a domenica 19 febbraio 2017, apre i battenti “FIRENZE LIBRO APERTO”, prima attesissima fiera fiorentina interamente dedicata alla piccola, media e grande editoria
Al via “Firenze Libro Aperto”, la nuoa fiera dell'editoria internazionale

FIRENZE – L’editoria di livello internazionale approda finalmente a Firenze. Da venerdì 17 a domenica 19 febbraio 2017, apre i battenti “FIRENZE LIBRO APERTO”, prima attesissima fiera fiorentina interamente dedicata alla piccola, media e grande editoria. Imperdibile appuntamento culturale (con oltre duecento case editrici e un centinaio di ospiti partecipanti) che sarà svolto presso il polo espositivo della Fortezza da Basso (strategica location situata a pochi metri dalla stazione centrale di S. Maria Novella).

NON SOLO EDITORIA CLASSICA – Promossa dalla società Fbs Eventi con il patrocinio della Regione Toscana, la manifestazione promette di stupire il pubblico proponendo un dibattito a più voci fra editori, artisti e creativi e con un programma che coinvolge scuole, università e l’invisibile esercito di quanti hanno a cuore il destino dei libri. “Non abbiamo niente a che vedere con la disputa Torino Milano – ha dichiarato Paolo Cammilli (ideatore e organizzatore di Firenze Libro Aperto) – il nostro è un salone che nasce dal basso, con l’obiettivo di favorire il dialogo tra piccoli e grandi editori. in quest’ottica, alla Fortezza da Basso, non ci saranno divisioni e i colossi editoriali saranno fianco a fianco con le realtà più minuscole; tutti i generi avranno il loro spazio, ognuno avrà modo di essere protagonista della kermesse in sinergia con gli altri”. A “Firenze Libro aperto” sono state invitate anche importanti realtà internazionali dei cartoon e del fumetto e in questo contesto, disegnatori e illustratori potranno esporre le proprie opere fra gli stand e in diretta su un maxi schermo.

PROGRAMMAZIONE RICCA DI EVENTI – Per una riflessione condivisa sulle rinnovate funzioni dell’editoria e del libro, ai tre giorni della Fiera sono stati invitati scrittori, editori, giornalisti, librai, ma anche filosofi, medici, storici e sociologi. Slogan della kermesse è “Le parole non bastano più ?” e nella programmazione fitta di incontri saranno svolte presentazioni di libri e riviste, oltre a laboratori e tavole rotonde in tema di “comunicazione interrotta”, problematica della nostra contemporaneità insita nei rapporti umani, razziali, sociali e geopolitici. Fra gli scrittori segnaliamo la presenza di F. Bosco, P. Crepet, A. De Carlo, D. De Silva, Tahar B. Jelloun (vincitore del Global Tolerance Award, conferitogli dall’Onu), J. R. Lansdale, C. Lucarelli, M. Vichi e tanti altri. Il Festival del Libro (aperto dalle ore 10 fino alle tre di notte) include anche spettacoli serali dal vivo: sono previsti concerti di Vinicio Capossela, Morgan e Dolcenera che si esibiranno dopo le ore 23.

CONCORSI LETTERARI – Protagonisti della grande manifestazione libraria della Fortezza da Basso saranno anche gli studenti delle scuole superiori dell’area metropolitana fiorentina per i quali è stato creato il concorso letterario “Comunicare in Tranvia”. La premiazione dei migliori racconti avrà luogo domenica 19 febbraio 2017 presso il Padiglione Spadolini, in concomitanza con la premiazione del Primo Concorso Letterario ‘Firenze Libro Aperto’; (i testi prescelti saranno raccolti in un’antologia pubblicata da Porto Seguro Editore). Il ‘Premio Letterario Firenze Libro Aperto’ è invece aperto alla partecipazione di autori esordienti e/o già affermati, con opere appartenenti ad ogni genere letterario. Nell’ambito della Fiera è stato ideato anche il primo Concorso ‘Book trailer Firenze Libro Aperto’, dedicato ai video maker dediti a questa forma espressiva.

QUALE  DESTINO PER L’EDITORIA? – Il dibattito sul destino dei libri è aperto e fra gli editori che parteciperanno alla kermesse culturale fiorentina, Tiziana Fratini (titolare di libreria e dell’omonima casa editrice) si dichiara favorevole all’iniziativa: – “sarò presente a questa manifestazione perché la considero un’ulteriore occasione per riflettere sulle difficoltà che riguardano il nostro comparto; certo è che oggi viviamo una fase difficile e stiamo cercando soluzioni alternative: il sistema tradizionale è entrato in crisi e tante piccole librerie di città sono ormai abbandonate dalla frequentazione diretta, a favore dell’acquisto online”.  Tutti gli eventi del Festival del Libro di Firenze avranno luogo presso il Padiglione Spadolini alla Fortezza da Basso (viale F. Strozzi).

Cristina Fontanelli

© Riproduzione Riservata
Commenti