Sei qui: Home » Libri » Addio a Valerio Evangelisti, è morto il maestro del fantasy
il maestro del fantasy

Addio a Valerio Evangelisti, è morto il maestro del fantasy

Dopo una lunga malattia è morto lo scrittore di libri fantasy Valerio Evangelisti, conosciuto soprattutto per il ciclo di romanzi dell'inquisitore Nicolas Eymerich

E’ morto lo scrittore di libri fantasy Valerio Evangelisti dopo una lunga malattia. A darne la notizia “Potere al Popolo  Bologna e provincia” con un post su Facebook. “Valerio Evangelisti se n’è andato. Avremo modo di ricordarti, di scrivere di te, di raccontare l’avvenire che ci hai fatto assaporare. Per ora ti ringraziamo, per la fiducia e il sostegno che non ci hai fatto mancare mai, e ti salutiamo con amore. Si è partigiani fino alla fine. Ciao Valerio”.

 

Valerio Evangelisti

Valerio Evangelisti nasce a Bologna il 20 giugno 1952. Laureato in Scienze politiche con indirizzo storico-politico nel 1976 presso l’Università di Bologna, fino al 1990 porta avanti una carriera accademica che alterna con l’attività di funzionario del Ministero delle finanze. Incomincia la sua carriera di autore scrivendo saggi storici – una quarantina – per un totale di cinque volumi.

Decide quindi di dedicarsi alla narrativa fantastica e presto raggiunge la notorietà vincendo nel 1993 il Premio Urania con il romanzo Nicolas Eymerich, inquisitore, pubblicato l’anno seguente nella omonima collana di fantascienza della Mondadori. I successivi romanzi che compongono il ciclo di Eymerich sono Le catene di Eymerich (1995), Il corpo e il sangue di Eymerich (1996), Il mistero dell’inquisitore Eymerich (1996), Cherudek (1997), Picatrix, la scala per l’inferno (1998), Il castello di Eymerich (2001), Mater terribilis (2002), La luce di Orione (2007), Rex tremendae maiestatis (2010), Eymerich risorge (2017).

Storicamente Nicolas Eymerich è un inquisitore domenicano realmente esistito (nato nel 1320 a Gerona, in Catalogna, e morto nel 1399). Il personaggio che Evangelisti ha mutuato dalla realtà storica è crudele, inflessibile, altero, tormentato, agisce con totale spietatezza al servizio della Chiesa e di ciò che ritiene il bene ed è tuttavia dotato di straordinaria intelligenza e profonda cultura. Nei vari romanzi del ciclo indaga i fenomeni misteriosi nell’Europa medioevale influenzando strategicamente i grandi avvenimenti storici dell’epoca, ma la soluzione del mistero spesso la si ritrova in storie parallele a quella dell’intreccio principale.

fotocredits: Facebook

© Riproduzione Riservata