Sei qui: Home » Libri » 5 libri da leggere per coltivare la sostenibilità
Libri da leggere

5 libri da leggere per coltivare la sostenibilità

"Sostenibilità" è una parola di giorno in giorno più importante, più usata e più sentita. Ecco 5 libri perfetti per cominciare a familiarizzare con le tematiche più legate a questo concetto, al fine di coltivarlo concretamente.

“Sostenibilità”, una delle parole ormai più presenti nel nostro vocabolario. Ma siamo sicuri di conoscere il vero significato del termine che non cessiamo di incontrare nell’ultimo periodo? Quel che è certo, è che il concetto di “sostenibilità” implica diversi aspetti del mondo che ci circonda, e quindi abbiamo molto da imparare e altrettanto da saper apportare un cambiamento, seppur piccolo, nella nostra vita. Dalla cucina alla moda, ecco 5 libri da leggere per coltivare la sostenibilità!

5 libri da leggere per coltivare la sostenibilità

Il goloso mangiar sano. Ricette, trucchi e segreti per organizzare menu vegetariani per tutta la settimana” di Elisabetta e Federica Pennacchioni

Il primo libro che scegliamo di consigliarvi è dedicato alla preparazione del cibo, che per essere sostenibile deve escludere in buona parte le carni e i prodotti derivati. Fare la spesa, organizzare il pranzo o la cena e poi, naturalmente, cucinare.

A volte può non essere facile, soprattutto se dobbiamo pensare anche allo studio, alla famiglia, al lavoro, ai mille impegni di ogni giorno, magari con la speranza di goderci un po’ di meritato relax. L’obiettivo di questo libro, che nasce dall’omonimo sito e dal canale YouTube, è aiutarti a trovare il modo per organizzarti in cucina, risparmiando tempo e risorse. Scoprirai quanto è facile programmare in anticipo interi menu vegetariani: sani, gustosi ed economici.

Verde, anzi verdissimo. Comunicare la sostenibilità evitando il rischio greenwashing” di Rossella Sobrero

In un momento in cui di sostenibilità si parla moltissimo è ancor più necessario porre la massima attenzione ai contenuti e alle modalità con cui si comunica. Dagli enfatici slogan ambientalisti alle immagini che evocano valori non rispondenti alla realtà, i rischi della comunicazione della sostenibilità possono essere diversi.

Il libro si apre con una riflessione sulla nascita del green marketing per arrivare all’economia circolare e alla green economy, ripercorrendo i principali step del percorso svolto e gli ulteriori segnali che indicano una trasformazione in atto. La seconda parte è dedicata agli stakeholder, diventati oggi più diffidenti.

I dipendenti “pretendono” un comportamento sostenibile e chiedono coerenza tra il dichiarato e l’agito; i clienti vogliono conoscere come è stato realizzato un prodotto o un servizio ed esigono maggiori informazioni sull’attività dell’intera filiera; gli investitori chiedono maggior trasparenza in termini di obiettivi e risultati raggiunti.

Alla luce di tutto questo, il focus della terza parte è proprio sulla comunicazione della sostenibilità, con gli strumenti e i linguaggi da utilizzare per evitare di essere sospettati di pratiche di greenwashing. Completano il libro 20 interviste ad altrettanti esperti di settori o di ambiti operativi diversi: dalla moda alla finanza, dall’agroalimentare al giornalismo.

L’Italia Verso le Emissioni Zero: Comunità, resilienza, autosufficienza: Guida pratica di intervento per persone che vogliono agire subito” di Paolo Ermani

Ecco poi un libro che tratta di sostenibilità su scala più ampia, focalizzandosi su come rendere il proprio comune, quartiere, zona, autosufficiente dal punto di vista energetico e alimentare, quali passi compiere, chi e come coinvolgere gli altri. Quali sono gli interventi più efficaci per ridurre gli sprechi energetici e idrici quindi conseguentemente risparmiare tanti soldi e tutelare l’ambiente, la propria e altrui salute?

Guardare poi alle immense ricchezze e potenzialità che ha l’Italia come paese e come persone, rivalutare il nostro territorio, riscoprire la nostra mirabile capacità di saper fare, le nostre eccellenze alimentari e agricole che sono un patrimonio inestimabile dislocato in ogni angolo del paese.

Riscoprirne la bellezza e riavvicinarsi alla natura anche riabitando zone meravigliose e abbandonate ovunque nel paese che aspettano solo di tornare a nuova e piena vita. Lasciare lavori inutili, noiosi o dannosi per se gli altri e l’ambiente per lavorare nei tanti settori ambientali che sono il nostro immediato futuro e hanno una potenzialità di diffusione enorme, danno soddisfazione e gratificazione oltre che garantire un domani vivibile ai nostri figli e nipoti.

La nuova economia ambientale. Sostenibilità e giustizia” di Eloi Laurent

Troppo spesso l’economia allontana gli uomini dalla natura e la sostenibilità dall’equità. Quando gli economisti si occupano di questioni ambientali, tipicamente riducono la loro analisi a una scienza dell’efficienza che lascia da parte le questioni dell’analisi distributiva e della giustizia.

Lo scopo di questo libro di testo è quello di fornire un quadro che dia priorità al benessere umano, e di ripensare l’analisi economica e la politica alla luce non solo dell’efficienza ma dell’equità.

L’economista Éloi Laurent lega sistematicamente le questioni della sostenibilità e della giustizia in una vasta gamma di argomenti: la biodiversità e gli ecosistemi, l’energia e il cambiamento climatico, la salute ambientale e la giustizia ambientale, i nuovi indicatori di benessere e sostenibilità oltre il PIL e la crescita, la transizione socioecologica e i sistemi urbani sostenibili.

(Im)perfetto sostenibile. Gesti quotidiani per una sostenibilità alla portata di tutti” di Camilla Mendini

Infine, ecco un libro che parla di sostenibilità di fatto di casa, scuola e lavoro.

Camilla Mendini è la voce italiana della sostenibilità; con il nome d’arte Carotilla è un punto di riferimento per migliaia di persone che, come lei, hanno a cuore l’ambiente e il futuro del nostro pianeta. Oggi tutti sappiamo che i nostri comportamenti quotidiani hanno un impatto sul mondo che ci ospita.

Quando scegliamo cosa mangiare, come vestirci, come occuparci della casa e come muoverci stiamo lasciando un’impronta: Camilla ci aiuta a fare in modo che sia un’impronta leggera e in armonia con la natura. In questo volume, tutto illustrato e ricchissimo di consigli pratici, troviamo i comportamenti virtuosi, gli stratagemmi quotidiani e le informazioni essenziali per prendere le decisioni giuste e scegliere un’esistenza a impatto zero. 

Scopriamo che rendere più sostenibile il nostro abbigliamento non è soltanto facile ma anche stimolante, che esiste tutto un mondo di cosmetici green di grandissima qualità, che quando si tratta di alimentazione e spesa a volte basta un po’ di creatività (e con le 15 ricette antispreco possiamo iniziare a metterci in gioco!), che per pulire casa non servono mille prodotti diversi ma pochissimi e non inquinanti, e infine che quello dei piccoli è un universo a sé pieno di possibilità per vivere in armonia con la natura e divertirsi.

La cosa più importante, però, è fare un passo per volta, senza fretta, senza sensi di colpa e seguendo le proprie inclinazioni personali, perché, ci ricorda l’autrice: “diventare perfettamente sostenibili, per quanto in teoria sia l’ideale, non è ciò a cui dobbiamo puntare: un esercito di imperfetti sostenibili è più forte di un gruppo ristretto di persone che sono sostenibili in tutto e per tutto”.

© Riproduzione Riservata