Sei qui: Home » Istruzione » Scuola » La letterina virale alla mamma per scusarsi di aver perso il bus
Bambini

La letterina virale alla mamma per scusarsi di aver perso il bus

Adam scrive una letterina alla mamma per scusarsi del fatto di aver perso l'autobus e non essere andato a scuola. Subito virale

MILANO – Quante volte succede che i nostri figli perdano il bus e quindi arrivino inevitabilmente in ritardo a scuola? Quante volte ci arrabbiamo e ci indispettiamo a riguardo? Quante volte abbiamo loro suggerito di impostare la sveglia in anticipo per evitare ritardi? Ecco Adam, un bambino del Missouri, dopo aver perso l’autobus e non essere riuscito ad andare a scuola, scrive una letterina alla mamma spiegandole i pro e i contro della sua azione. Dopo essere stata condivisa dalla sorella maggiore Sarah su Twitter, la lettera ricevuto più di un milione di like ed è stata condivisa da 200 mila persone.

Leggi anche: Il commovente tema di Angelica sulla nonna viene premiato dal Senato

I pro e i contro di aver perso l’autobus

È mattina, il piccolo Adam tutto assonnato, in fretta e furia, sistema lo zaino,e con ancora il pane e nutella in mano corre verso la fermata dell’autobus, sperando di riuscire a saltarci su e a varcare la soglia della scuola al suono della campanella. Ma Adam, nonostante la corsa forsennata, vede il bus passargli davanti: e ora chi lo spiega alla mamma?
Adam decide di scriverle una lettera, illustrando i pro e i contro dell’aver perso il bus e non essere andato a scuola.
Ciò che colpisce è il linguaggio formale che risulta divertente e intenerisce: “Da figlio, mi spiace informarti di aver perso l’autobus. So che sarai su un ottovolante di emozioni, ma stai tranquilla, ho deciso di rimanere a casa. È stata una decisione difficile da prendere mentre eri via per 20 minuti. Probabilmente ora sarò a letto con il muso, per non essere andato a scuola. Perciò per favore non interrompermi“. Successivamente Adam ha fatto una tabella dei pro e dei contro: tra i pro compare il fatto che non era mai stato a casa da scuola quel trimestre, e che quella giornata, se fosse andato a scuola, sarebbe stata pessima dato che i suoi capelli avevano deciso di non collaborare; invece tra i contro compare che potrebbe diventare un’abitudine (anche se ne dubita), e che ora sua madre deve contattare la scuola e avvertire che il figlio ha la poliomelite.
Cosa si inventano i bambini pur di chiedere scusa?

Via: Corriere della Sera

© Riproduzione Riservata