maturità 2020

Esami di maturità 2020, tutto ciò che occorre sapere

Dal criterio di ammissione alle norme di sicurezza, ecco tutto ciò che bisogna conoscere in merito agli esami di maturità 2020 che cominceranno il 17 giugno
Esami di maturità 2020, tutto ciò che occorre sapere

Gli esami di maturità 2020 inizieranno il 17 giugno 2020 e, poiché le scuole da marzo le lezioni sono state online a causa dell’emergenza coronavirus, si svolgeranno in condizioni particolari, come è previsto dall’Ordinanza ministeriale, cioè in modo esclusivamente orale. Il colloquio durerà al massimo un’ora.

Ammissione

Tutti gli studenti che hanno frequentato l’ultimo anno di corso sono ammessi agli esami di maturità, eccetto coloro i quali non sono ammessi dal consiglio di classe per mancanza di elementi valutativi relativi al periodo didattico anteriore all’emergenza Covid-19 o non hanno frequentato o hanno ricevuto provvedimenti disciplinari gravi.

Commissione

La commissione è composta da sei membri interni, scelti dal consiglio di classe che comprendono i docenti di Italiano e delle materie delle seconde prove previste per ciascun indirizzo. Il presidente, invece, è esterno.

Colloquio e sua durata

Gli esami di Maturità 2020 consistono solo in un colloquio dalla durata di circa un’ora.
La prova( (si soffermerà sul programma svolto nel primo quadrimestre e potrà comprendere anche esercitazioni pratiche, esercizi di traduzione nei licei) verterà sui seguenti punti:

1) discussione di un elaborato concernente le discipline di indirizzo individuate come oggetto della seconda prova scritta. L’argomento è assegnato a ciascun studente su indicazione degli insegnanti delle discipline di indirizzo entro il primo giugno. L’elaborato successivamente è trasmesso – afferma l’ordinanza ministeriale – “dal candidato ai docenti delle discipline di indirizzo per posta elettronica entro il 13 giugno. Per gli studenti dei licei musicali e coreutici, la discussione è integrata da una parte performativa individuale, a scelta del candidato, della durata massima di 10 minuti. Per i licei coreutici, il consiglio di classe, sentito lo studente, valuta l’opportunità di far svolgere la prova performativa individuale, ove ricorrano le condizioni di sicurezza e di forma fisica dei candidati”;

2) discussione di un breve testo, già oggetto di studio nell’ambito dell’insegnamento di lingua e letteratura italiana durante il quinto anno;

3) analisi, da parte del candidato, del materiale scelto dalla commissione coerenti con il percorso di studi;

4) esposizione da parte del candidato, mediante una breve relazione ovvero un elaborato multimediale, dell’esperienza di PCTO(percorso per le competenze trasversali e per l’orientamento) ossia relazione sull’ex alternanza scuola-lavoro svolta nel corso del percorso di studi;

5) accertamento delle conoscenze e delle competenze maturate dal candidato nell’ambito delle attività relative a “Cittadinanza e Costituzione” secondo quanto è stato svolto in classe.

Crediti scolastico

All’esame di maturità 2020 lo studente può arrivare con un credito massimo di 60 punti: 18 acquisiti nel terzo anno, 20 nel quarto e 22 nel quinto.

Calcolo del voto finale

Quest’anno il calcolo viene effettuato diversamente rispetto agli anni precedenti. Per superare l’esame di maturità 2020 è necessario totalizzare 60 punti, tra crediti e prova orale che ne vale in totale 40. Al punteggio la commissione può attribuire fino a cinque punti di bonus. Essa può dare la lode agli studenti che abbiano raggiunto i cento punti senza ricorrere ai bonus. I crediti e il voto finale si baseranno sul percorso realmente fatto dagli studenti. Per dare il giusto peso al percorso scolastico, il credito del triennio finale è stato rivisto: potrà valere fino a 60 punti, anziché 40, come prima dell’emergenza. Al colloquio orale si potranno conseguire fino a 40 punti. Il voto massimo finale possibile resta, infatti, 100/100.

Norme di sicurezza

Durante l’esame di maturità 2020 saranno rispettate le norme per la sicurezza. Gli ingressi saranno scaglionati e la distanza tra insegnanti e studenti sarà di due metri. Inoltre, il candidato dovrà portare con sé un modulo di certificazione in cui dichiara l’assenza di sintomatologia respiratoria o di febbre a 37,5 nel giorno dell’esame e nei tre giorni precedenti e di non essere stato in quarantena o isolamento domiciliare negli ultimi 14 giorni.

Sarà altresì assicurata la pulizia quotidiana di tutti gli spazi utilizzati. Ci saranno percorsi predefiniti di entrata e uscita. I locali dovranno essere ben areati. E’ previsto il distanziamento di 2 metri fra candidati e commissari e fra gli stessi commissari. I colloqui avverranno con la mascherina. Gli studenti potranno abbassarla nel corso dei medesimi, ma restando alla distanza di sicurezza di almeno due metri. Non sono necessari i guanti: negli istituti ci saranno prodotti igienizzanti. Poiché gli esami di maturità sono pubblici, ogni candidato potrà portare con sé al massimo un accompagnatore, che dovrà anche lui rispettare le misure di distanziamento e indossare la mascherina.

Giuseppe Sangregorio

© Riproduzione Riservata
Commenti