Sei qui: Home » Istruzione » Scuola » Didattica a distanza: imparare da casa grazie a “Kilometro zero”
Coronavirus

Didattica a distanza: imparare da casa grazie a “Kilometro zero”

Ideato dalla casa editrice Pearson, "Kilometro zero" è uno strumento molto prezioso in momenti come questi dove la didattica a distanza è l'unica alternativa possibile

Il progetto di Pearson, “Kilometro Zero“, nasce per supportare la scuola in un momento in cui le attività didattiche sono sospese in tutta Italia. Prevede numerose iniziative e proposte a supporto di docenti e studenti, con l’obiettivo di assicurare la continuità didattica anche fuori dalle aule. Tutto questo attraverso l’utilizzo del digitale.

Un’occasione per riflettere sulla didattica a distanza 

La sospensione delle attività in scuole e atenei di tutta Italia ha reso quanto mai attuale la riflessione su modalità di apprendimento alternative. Fondamentale è l’utilizzo del digitale, che permette di ideare soluzioni adattabili e fruibili in remoto. Per questo, Pearson Italia, casa editrice leader nel settore educativo, ha elaborato servizi interamente digitali, per fare lezione e continuare ad imparare anche fuori dalle aule scolastiche.

 

preside-zona-rossa

La lettera di una Preside dalla zona rossa: “Cerchiamo di aiutarci e facciamo vedere al resto d’Italia la nostra forza”

Come può la scuola raggiungere gli studenti della zona rossa? Ci risponde Cecilia Cugini, dirigente dell’Istituto di Codogno, con un messaggio di grande coraggio e determinazione

 

Kilometro zero, il progetto per la didattica a distanza

La proposta a 360° di “Kilometro zero” vuole supportare prima di tutto i docenti, attraverso risorse didattiche digitali per ciascuna area disciplinare da condividere con gli studenti. Si arricchisce, inoltre, l’offerta per aggiornarsi dedicata agli insegnanti: un ciclo di webinar gratuiti su “Insegnare e formarsi a distanza”, con focus sulle metodologie per l’insegnamento in remoto.

Ore di formazione in digitale certificata sui temi più attuali della didattica. Incontri con autori e approfondimenti sulle novità editoriali e i prodotti Pearson in modalità live-streaming. In più, per i docenti di inglese, è prevista un’area dedicata, con webinar, video e materiali formativi in lingua.

 

Come costruire le classi virtuali

Tutti i libri di testo Pearson hanno infatti a disposizione un Didastore, tramite il quale i docenti possono creare classi virtuali, assegnare testi, video ed esercizi ai loro studenti, ricevere i loro feed-back e monitorare le loro attività. Tutto questo in maniera semplice e veloce. I libri hanno inoltre una versione digitale liquida, che si adatta a qualunque dispositivo, con video sintesi e materiali multimediali di supporto allo studio. Prevedono infine MyApp, l’app Pearson per lo studio, che permette, inquadrando i QRcode presenti nelle pagine del libro cartaceo, di accedere a centinaia di risorse integrative.

Tutti ausili, questi, che possono consentire ai docenti di svolgere un’attività didattica a distanza e agli studenti di affrontare lo studio con un supporto al loro fianco. Il tutto senza necessità di un computer connesso a Internet, che molti non possiedono. E’ sufficiente un cellulare per studiare in autonomia. Per gli studenti delle scuole superiori, sono inoltre previsti nelle prossime settimane video lezioni d’autore e webinar gratuiti su moltissime tematiche.

 

© Riproduzione Riservata