come diventare scrittore

Come promuovere un romanzo alla sua uscita

Nell'ultimo capitolo della sua rubrica, Giulio Ravizza ci suggerisce come promuovere un romanzo alla sua uscita
COME-DIVENTARE-SCRITTORE-18

Eccoci giunti all’ultimo capitolo della serie -Come diventare scrittore-! Mi sembra giusto concludere queste suggestioni parlando della promozione di un romanzo dopo la sua uscita in libreria e online. Già perché i libri, come tutti gli altri oggetti, non si vendono da soli e, come ti renderai conto, ogni scrittore ha due anime: quella di colui che scrive e quella di colui che promuove colui che scrive. In altre parole: scrivere da Dio non basta. Lo so, lo so, il mestiere dello scrittore non c’entra nulla con quello del pubblicitario, ma tant’è: meglio abituarsi subito a questa realtà. E a tutti quelli che “Io mi occupo della scrittura che tanto poi c’è l’editore” rispondo che, ahimè, a volte conta più una promozione azzeccata di una prosa fenomenale.

 
Potrei scrivere dieci articoli sul tema della promozione di un romanzo. Dovendo riassumere, suggerisco di partire da una riflessione. Togli il cappello da scrittore e metti quello da lettore: come scegli i libri che poi compri? Solitamente le risposte sono tre (in questo ordine di importanza): compri libri che ti vengono consigliati da altri lettori che stimi, compri i libri di autori noti (di personaggi famosi), compri i libri con gli elementi che ti interessano (ad esempio l’ambientazione in Polonia oppure nella Roma di Adriano). 

 
Ora, se rimetti il cappello da scrittore, dei tre elementi ne puoi controllare solo due (non puoi improvvisarti famoso tutto a un tratto!). Il primo, ovvero fare in modo che un libro venga consigliato, si può mettere in atto in due mosse. Prima di tutto bisogna mettere il proprio romanzo in circolo, ad esempio con le presentazioni in libreria o inviando copie ai librai. In secondo luogo è importante favorire le recensioni sulle varie piattaforme che vendono libri. D’altronde le recensioni non sono le prime cose che leggi su internet? Un attore estremamente importante nell’ecosistema delle raccomandazioni è il book influencer. Che sia su Instagram, twitter o facebook, si tratta di personalità che hanno un seguito di persone che si fidano dei loro consigli di lettura e anzi, che si rivolgono a loro per nuove idee. Nulla di più ghiotto per uno scrittore, specialmente se esordiente!
Le comunità che si raccolgono intorno al tema del libro (come anche Libreriamo) sono un canale altrettanto efficace.

 
Rispetto al terzo punto, la sfida è quella di far immergere il lettore nelle suggestioni del proprio romanzo in modo da coinvolgerlo e catturare il suo interesse prima dell’acquisto. Io ci ho provato investendo su un approccio nuovo. L’influenza del blu è infatti il primo romanzo al mondo ad essere stato lanciato con un filtro Instagram (immagine qui sotto).

 
E’ sufficiente andare sulla pagina Instagram del mio editore (bookabook), cliccare sulla faccina sopra le foto e voilà: si è dentro al mio romanzo. Inquadrarsi col filtro regala al potenziale lettore un’esperienza immersiva che immediatamente lo porta ad incuriosirsi oppure a disinteressarsi del testo. Questo è solo un esempio, una soluzione che a me suonava efficace per la promozione del romanzo. La domanda che suggerisco a ciascuno di porsi è: come posso portare le atmosfere del mio testo al potenziale lettore?

Come diventare scrittore
Ideare personaggi, ovvero cose turche

Ideare personaggi, ovvero cose turche

Ed eccoci qui, diciotto articoli dopo il primo (Perché scrivere, ovvero Aida, Fantozzi e le scodelle natufiane). In chiusura ci tengo a ringraziare il super-staff di Libreriamo (Saro, Salvatore e Silvia) che ha ospitato i miei vaniloqui. Grazie anche a chi ha avuto la pazienza di leggermi settimana dopo settimana. Invito chiunque abbia domande o commenti a contattarmi sulla mia pagina instagram personale o su quella de L’Influenza del Blu.

A risentirci al prossimo romanzo!

 

foto-giulio-x-articolo

 

© Riproduzione Riservata
Commenti