Sei qui: Home » Intrattenimento » Cinema » “Whitney”, al cinema il nuovo Biopic dedicato alla star musicale

“Whitney”, al cinema il nuovo Biopic dedicato alla star musicale

Whitney Houston è una delle più grandi artiste mai esistite e dal 22 Dicembre è nelle nostre sale cinematografiche il biopic che racconta la sua storia

Whitney Houston è una delle più grandi artiste mai esistite. La sua voce d’oro l’ha resa una delle cantanti più popolari di sempre tanto che nel corso della sua carriera ha venduto 200 milioni di album. Il 22 dicembre è uscito nelle nostre sale un nuovo e attesissimo Biopic sulla cantante che presenta sia dei grandi punti positivi, sia delle criticità. Scopriamoli.

Il progetto del film

Nei 10 anni trascorsi dalla scomparsa di Whitney Houston, quattro film hanno cercato di raccontare la sua storia. In rapida successione, abbiamo avuto un documentario non autorizzato, uno approvato, una rappresentazione televisiva di Lifetime e un film che si è concentrato sul rapporto con la figlia Bobbi Kristina. Secondo Anthony McCarten, che ha scritto il primo biopic hollywoodiano a grande budget sulla star, I Wanna Dance with Somebody, questi film avevano tutti una cosa in comune. “Sono ossessionati dai suoi errori”, ha dichiarato al Guardian. “Erano tutti sensazionalistici”.

Sebbene il montaggio finale del film includa alcuni dei dettagli più crudi o controversi della storia della Houston – in effetti alcune cose sono rese più esplicite di prima – i registi ammettono che il loro obiettivo principale era quello di rendere il film una celebrazione. “Volevo concentrarmi sui suoi grandi successi”, ha detto McCarten.

Whitney si concentra sull’amore più che sul lavoro

La scena iniziale di Whitney mostra la cantante (interpretata da Yaya DaCosta, veterana di America’s Next Top Model) che entra ai Soul Train Music Awards del 1989. Prende posto, abbraccia alcuni amici e incontra un volto nuovo: Bobby Brown, un giovane cantante R&B. Quando Brown sale sul palco, la Houston è ipnotizzata. È sexy, ha talento ed è un po’ un ragazzaccio. È attratta da lui e accetta di uscire con lui.

Immediatamente, il film chiarisce che non si tratta di una storia con Whitney Houston al centro, ma di un film che “romanticizza” Bobby Brown. Non si parla di album da classifica o di nomination ai Grammy che la Houston aveva prima di incontrare Brown. In effetti, l’unico segno che Whitney Houston abbia avuto successo in qualche modo prima di incontrare Brown è il fatto che, in una scena della sua festa di compleanno, lei e Brown passano accanto a una teca piena di trofei e premi.

“La gente si è stancata di vedermi ricevere premi”, dice la Houston quando incontra Brown per la prima volta. “Non li biasimo. A volte mi stanco di sentir parlare di me”. È un’affermazione a cui il film stesso sembra credere. La trama della storia, poiché prende le mosse da Brown, presuppone che lo spettatore conosca già il successo della Houston, conosca già i suoi migliori successi, sappia già che è una star più grande, migliore e memorabile di quanto Bobby Brown possa mai essere. E poi la tratta come un personaggio secondario in un film sulla sua vita.

I momenti più iconici del talento di Whitney

Nonostante i numerosi momenti di tristezza, il film riesce a mettere in luce soprattutto la genialità della Houston, grazie al fatto che i suoi creatori hanno avuto accesso a una quantità di musica molto maggiore rispetto ai registi precedenti. Il film trova il suo apice nelle ricreazioni di performance epocali, come la sua interpretazione trionfale di The Star-Spangled Banner al Super Bowl.

Un altro momento di tensione e allegria arriva in una scena che ritrae il Concerto per il nuovo Sudafrica, che fu il primo spettacolo tenutosi in quel paese dopo l’apartheid. “Whitney sapeva come far parlare una performance di un momento”, ha detto Lemmons. E McCarten ha aggiunto: “Quando ha cantato I Will Always Love You in quello spettacolo, l’ha estrapolata da una storia d’amore per un’altra persona in una storia d’amore per la libertà”.

A eclissare tutto ciò è l’esibizione agli American Music Awards del 1994, in cui ha combinato tre canzoni scoraggianti per creare una suite che i registi hanno chiamato “The Impossible Medley”. Il brano comprende I Loves You, Porgy (da Porgy and Bess), And I’m Telling You I’m Not Going (da Dreamgirls) e la sua hit I Have Nothing. La Houston paragona il cantare insieme a “scalare l’Everest senza ossigeno”. “Canta a squarciagola e tu pensi: ‘questo è il massimo’”, ha detto Lemmons. “E poi va più in alto”.

Data la potenza di tali esibizioni, così come l’amore che la Houston è riuscita a sperimentare nella sua vita, McCarten si rifiuta di considerarla una figura tragica. “Se si considera una vita come un fiore, a un estremo della scala, e come un mucchio di merda, all’altro, a cosa si dà più peso?”, ha detto. “La vita di Whitney aveva molti, molti più fiori”.

Il film romanticizza una relazione profondamente disordinata

Un problema grande, questo Biopic, ce l’ha eccome. Porre la relazione tra la Houston e Brown al centro del film avrebbe potuto funzionare, ma il film si rifiuta di affrontare la verità di quella relazione. La madre della Houston si è espressa contro il film a novembre, dichiarando a Entertainment Tonight che “Lifetime ha scelto di andare avanti con il film su Whitney nonostante le obiezioni della nostra famiglia. Nessuno di coloro che sono collegati a questo film conosceva Whitney o qualcosa della sua relazione con Bobby”. È ovvio, guardando il film, che aveva ragione al 100%.

Se questo film fosse stato un’immersione profonda nella relazione molto complicata che Whitney Houston e Bobby Brown hanno effettivamente avuto, sarebbe stato più interessante. Bobby Brown ha incontrato la Houston ai Soul Train Awards. Come mostra il film, i due si sono frequentati, si sono fidanzati, sono sopravvissuti a un aborto spontaneo, si sono sposati e hanno avuto una figlia. Ma il film dipinge la Houston come una figura passiva e perfetta, che si rifiuta di affrontare le complicate realtà del suo matrimonio.

 

 

Brown e la Houston sono stati sposati per 15 anni in un’unione che è finita sulle copertine dei giornali scandalistici più e più volte. “Era la mia droga”, ha detto la Houston a Oprah Winfrey in un’intervista molto pubblicizzata del 2009. “Non facevo nulla senza di lui. Non mi facevo da sola. Eravamo io e lui insieme, eravamo partner, e questo era il mio sballo: lui. Io e lui eravamo insieme e qualsiasi cosa facessimo, la facevamo insieme. Non importa cosa, lo facevamo insieme”.

Stella Grillo

 

© Riproduzione Riservata

Lascia un commento