Sei qui: Home » Intrattenimento » Cinema » “Unbroken”, un film di coraggio e resistenza

“Unbroken”, un film di coraggio e resistenza

“Unbroken” è un film del 2014 diretto da Angelia Jolie che racconta l’incredibile storia vera dell’atleta olimpico Loius Zamperini

Oggi vi proponiamo il film “Unbroken”, tratto dall’omonimo romanzo che racconta la storia incredibile dell’atleta italoamericano Louis Zamperini che partecipò alle Olimpiadi di Berlino del 1936 insieme al collega Jesse Owens e si arruolò per combattere nella Seconda Guerra Mondiale. Una pellicola perfetta per il magico momento che stiamo vivendo come Paese alle Olimpiadi di Tokyo.

“Unbroken”, la trama

Louis Zamperini è un ragazzo italoamericano con alle spalle un’infanzia e una giovinezza turbolente. Decide di mettersi sulla giusta strada quando scopre il suo talento per la corsa che lo porterà a partecipare alle Olimpiadi di Berlino del 1936, insieme al compagno Jesse Owen, anch’egli entrato nella storia. Dopo i grandi risultati alle Olimpiadi, Louis parte per combattere la Seconda Guerra Mondiale e in seguito ad un disastroso incidente aereo riuscirà a sopravvivere su una zattera per quarantasette giorni insieme ad altri due membri dell’equipaggio, per poi essere catturato dalla Marina giapponese e spedito in un campo di prigionia. I ricordi giovanili gli daranno la forza e il coraggio per sopravvivere al dramma dei campi giapponesi.

Una storia vera

Il film racconta l’incredibile storia vera dell’atleta ed eroe di guerra Louis Zamperini. Nato nel 1917 e morto all’età di novantasette anni nel 20014, Louis Zamperini, di origini italiane, fu un ragazzo pieno di forza e coraggio. La sua storia è raccontata anche nel libro “Unbroken. Sopravvivenza. Resistenza. Riscatto” di Laura Hillenbrand, da cui il film ha preso il nome. La sua incredibile tenacia ha fatto in modo che sopravvivesse a drammi quali un incidente aereo e la conseguente permanenza nell’oceano su un’unica zattera con altri due membri dell’equipaggio e ai campi di lavoro giapponesi, famosi per le disumane torture fisiche e psicologiche. Una storia che ha dell’incredibile e che ha reso Zamperini un vero e proprio simbolo negli Stati Uniti.

 

© Riproduzione Riservata