Sei qui: Home » Intrattenimento » Ulisse, Alberto Angela alla scoperta della Belle Époque parigina
cultura in tv

Ulisse, Alberto Angela alla scoperta della Belle Époque parigina

Nuova puntata di "Ulisse - Il piacere della scoperta". Stasera Alberto Angela ci racconterà gli anni della Belle Époque parigina.

Nella puntata di stasera di “Ulisse – Il piacere della scoperta”, in onda alle 21.25 su Rai 1, Alberto Angela racconta gli anni della Belle Époque parigina. A quel tempo veniva inventato il cinematografo, ma secondo i fratelli Lumière non era destinato ad avere futuro.

Sognando la Belle Époque

A spiegare che si sbagliavano sarà una delle più grandi attrici della storia del cinema: Catherine Deneuve, ospite di eccezione della puntata. Sono anni di grande trasformazione in tutti i campi, soprattutto nell’arte con Monet, Renoir, Degas, Pissaro, Caillebotte. Giulio Scarpati, nei panni del loro impresario, Paul Durand- Ruel, li farà conoscere meglio. Sulle loro tele, al Museo d’Orsay, c’è anche la grande trasformazione che Parigi subisce sotto Napoleone III. Insieme al suo prefetto, George Haussmann, cambieranno il volto stesso della città, creando una grandeur visiva destinata a lunga fortuna.

La grandeur di Parigi

 Sui viali di Haussmann c’è tutto il fervore della Belle Époque, uomini con il cilindro nero e i baffi tirati all’insù e donne che sfoggiano una nuova femminilità, perché nuovo è il mondo che le circonda. Si va all’Opera Garnier per conoscere e sedurre, non solo per assistere agli spettacoli. Quello di Garnier è un edificio iconico, che Alberto Angela racconterà da spazi suggestivi, come il bellissimo foyer de la danse. Qui Edgar Degas ha immortalato le ballerine durante il riscaldamento. Al Petit Palais si potrà rivivere lo stupore dei tanti milioni di visitatori dell’Esposizione Universale del 1900.

Il Moulin Rouge

Ulisse farà tappa anche ai Magazzini Samaritaine, un vero arsenale di bellezza e nel locale più caratteristico dell’epoca: il Moulin Rouge. Da lì risuonava l’inconfondibile “Can can” di Offenbach e tra il rumore assordante della musica, i fumi dell’assenzio, le risa e gli abbracci, nessuno si era reso conto del precario equilibrio politico che stava attraversando l’Europa. Ci penserà la Grande Guerra a svegliare tutti dal sogno della Belle Époque. Come tutti i sogni anche questo ha i contorni sfumati, una luce ammaliatrice e ostile allo stesso tempo, un senso di felicità tanto concreto quanto effimero.

© Riproduzione Riservata