Dieci comandamenti

Dieci comandamenti, torna la maratona di Benigni per raccontare la Bibbia

Sabato 9 maggio Rai 1 ripropone il programma entrato nella storia della tv. Benigni: "La Bibbia è il racconto più bello di tutti i tempi"

benigni-10-comandamenti

Sabato 9 maggio Rai 1 ripropone il programma entrato nella storia della tv. “I dieci comandamenti” raccontati da Roberto Benigni. Un monologo appassionato, frutto di mesi di studio, che andò in onda, per la prima volta, nel 2014. Due serate con ascolti record (oltre dieci milioni di spettatori) in cui l’Italia si fermò davanti alla tv per ascoltare il premio Oscar, che parlava della Bibbia.

La Bibbia è il racconto più bello di tutti i tempi, anche perché l’autore del libro è anche l’autore di tutti i lettori

I dieci comandamenti sono le leggi dei sentimenti

“È la legge dei sentimenti” spiegò l’artista “per la prima volta ci vengono date delle regole, regole cosi attuali da impressionare. Diventano legge i sentimenti, l’amore, la fedeltà, il futuro, il tempo. È la più bella storia del mondo, una storia che crediamo di conoscere ma che si rivela sempre nuova, tanto che pensavo di farne dieci serate. Dedicare uno spettacolo alle parole più famose dell’umanità non ha nulla a che fare con il misticismo, bisogna essere ciechi per non vedere questa luce, va bene parlare di religione ma la mia legge è quella dello spettacolo. Io ho questi strumenti e queste parole che mi regalano emozioni uniche. Alla fine la bellezza è fatta di verità e i comandamenti la contengono. Credo che ci sia un senso religioso anche se si parla di altri argomenti. Si può avere senso religioso anche se si fa politica. Personalmente mi piacerebbe averlo in tutte le cose che faccio”.

La bellezza della Bibbia

Per Benigni “i comandamenti sono tutti sorprendenti”, ma spiegò che i suoi preferiti sono quelli senza il “non”. “Detti così perdono un po’ valore, ma leggendoli ho fatto le capriole: ‘Onora il padre e la madre’ e ‘Ricordati di santificare le feste’. Sono davvero paradisiaci. Della Bibbia analizzeremo tutto, anche le contraddizioni. Devo dire che l’Autore l’ha scritta proprio bene. Il racconto dell’Esodo è un esempio rivoluzionario, una strada da seguire, è d’ispirazione per qualsiasi moto di libertà, da Spartaco alle primavere arabe”.

 

 

© Riproduzione Riservata
Commenti