Sei qui: Home » Intrattenimento » Cinema » “Single per sempre?” il primo film natalizio sull’amore LGBT
film natalizi

“Single per sempre?” il primo film natalizio sull’amore LGBT

“Single per sempre?” (Single All the Way), ora in streaming su Netflix, è il film natalizio arrivato per sollevare gli spiriti delle vacanze e cambiare un genere tradizionalmente eterosessuale

Preparatevi a qualcosa di più di un semplice film natalizio: questo Natale preparatevi anche alle vacanze “queer”. La prima commedia romantica gay di Netflix, “Single per sempre?” (Single All the Way), ora in streaming, è arrivata per sollevare gli spiriti delle vacanze e cambiare un genere tradizionalmente eterosessuale. Sì, c’è stata un’abbondanza di film romantici per le vacanze LGBT di recente, ma questo affronta, in modo leggero ma interessante, una storia di coming out e si rivolge a un pubblico queer. Senza contare che la presenza dell’icona gay Jennifer Coolidge era “come un sogno gay che si avvera”, dice la star Michael Urie, protagonista del film.

La trama del film natalizio “Single per sempre?”

Il film natalizio è incentrato su Peter (Michael Urie) e Nick (Philemon Chambers), migliori amici e compagni di stanza a Los Angeles che hanno sempre mantenuto la loro relazione platonica. Peter porta Nick a casa nel New Hampshire per le vacanze, dove progetta di mentire e spacciare Nick per il suo ragazzo, per dimostrare alla sua famiglia che può davvero avere una relazione, come molti protagonisti di commedie romantiche che si lamentano di essere single.

Ma quando la madre di Peter, Carole (Kathy Najimy), lo mette in contatto con il suo istruttore di spinning James (Luke Macfarlane), sia Peter che Nick sono costretti a confrontarsi con i loro veri sentimenti reciproci. La sceneggiatura ha lasciato a bocca aperta molti spettatori. In fondo, questa è una famiglia che cerca di amare il proprio figlio, che vuole il meglio per il proprio figlio e fino ad ora non si era mai visto questo ritratto in cui c’è un figlio gay e la famiglia, che è eterosessuale, vuole che il figlio abbia una relazione con un altro uomo gay.

La storia della sceneggiatura

Netflix ha avvicinato lo sceneggiatore Chad Hodge (The Darkest Minds, Good Behavior) e gli ha chiesto di scrivere la prima commedia romantica natalizia gay del gigante dello streaming. Lo scrittore gay non aveva mai scritto un film di Natale prima, ma ha accettato la sfida stimolante. Ha scritto il ruolo della zia Sandy di Peter – una ex diva off-Broadway responsabile della locale recita di Natale – con Coolidge in mente, senza alcuna garanzia che lei avrebbe effettivamente firmato. Quando poi Jennifer Coolidge ha accettato il ruolo, per lo sceneggiatore è stato un vero e proprio regalo di Natale.

“Ho fatto una lista quando stavo iniziando a scrivere questo film di tutte le cose che avrei voluto vedere in un film di Natale gay”, ha affermato in diverse interviste, “e una delle cose era Jennifer Coolidge”. Sulla lista dei desideri di Hodge per il film c’erano anche: un’atmosfera familiare accettante; una distinzione tra la vita gay della grande città e quella della piccola città; e a cosa si rinuncia quando si è lontani dalla propria famiglia amorevole. E invece di un’altra storia con i traumi e le ingiustizie, che le persone gay affrontano per il solo fatto di esistere, “Single per sempre” sceglie di raccontare una storia sulla vita dei gay dopo il loro coming out e su come appare la loro età adulta.

Rappresentare la comunità LGBT di oggi

Per questo film natalizio, Hodge voleva creare una storia che si sentisse riconoscibile “in modi unici” per un pubblico gay, costellando il film di riferimenti agli Instagay (utenti gay di Instagram), all’app di incontri Grindr e alle dive del pop. La speranza dei registi, degli attori e dello sceneggiatore, è che questo film aiuti le famiglie ad allargare un po’ la propria mente, dando la possibilità ai ragazzi queer una speranza. La speranza di tornare a casa a Natale, con la persona che amano, senza sentirsi disprezzati o in difetto. È un inno ad essere migliori, ad amare l’amore in tutte le sue forme… Soprattutto nel periodo Natalizio dove “sponsorizziamo” tanto la nostra bontà.

© Riproduzione Riservata