Le canzoni storiche di Sanremo

“Un’avventura” di Lucio Battisti, una promessa di amore eterno

L'analisi di una delle canzoni d’amore più famose della musica italiana che Lucio Battisti ha portato al Festival di Sanremo nel lontano 1969
"Un'avventura" di Lucio Battisti, una promessa di amore eterno

Una delle canzoni d’amore più famose della musica italiana: parliamo di “Un’avventura” di Lucio Battisti, brano che il celebre cantautore, considerato una delle massime personalità nella storia della musica italiana sia come compositore e interprete, ha portato al Festival di Sanremo nel 1969.

[amazon_link asins=’B07YYQRYYG,B00000GB50,B0066U3SBQ,B07Y6ZDLSM,B07Y6XX4DR,B07T1G32LD,B0753S9ZTC’ template=’ProductGrid’ store=’libreriamo-21′ marketplace=’IT’ link_id=’51137122-d6c8-4590-b315-2568dfed3e06′]

Storia d’amore non solo estiva

“Non sarà un’avventura / Questo amore è fatto solo di poesia”. Nonostante la sua apparente semplicità ed il ritornello accattivante, la canzone non è banale. Scritto da Battisti insieme a Mogol, il brano racconta la storia di due ragazzi che s’innamorano e scoprono che la loro storia d’amore estiva non sarà un sentimento passeggero, ma la storia della vita “fino a quando gli occhi miei avran luce per guardare gli occhi tuoi”.

Amore eterno

La canzone comincia in forma di ballata orecchiabile e, dalla seconda strofa, si trasforma in un rhythm and blues. Un crescendo di ritmo che è anche un crescendo di emozioni, capaci di interpretare la volontà di un amore eterno, ben reso da Battisti nei versi conclusivi “Non è un fuoco che col vento può morire/ Ma vivrà / Quanto il mondo / Fino a quando gli occhi miei…”

 

 

© Riproduzione Riservata
Commenti