Il concerto di Pasqua

Bocelli canta nel Duomo in una Milano deserta ed emoziona tutto il mondo

Andrea Bocelli ha cantato solo nel Duomo di Milano deserto. Repertorio sacro all'interno, chiusura 'Amazing Grace' in piazza
Bocelli canta nel Duomo in una Milano deserta ed emoziona tutto il mondo

Una commovente ‘Amazing Grace’, di John Newton, intonata a cappella e una piazza Duomo, a Milano, ancora più maestosa nella sua desolazione. Così si è concluso il concerto pasquale di Andrea Bocelli ‘Music for Hope’.

Il tenore, accompagnato dall’organista della Cattedrale che ospita il più grande organo d’Italia, Emanuele Vianelli, ha cantato per circa mezz’ora nella chiesa vuota e a porte chiuse, senza pubblico né applausi – come ci si aspetterebbe da qualsiasi concerto – seguendo le misure restrittive per contenere il contagio da coronavirus. Bocelli ha aperto il breve concerto di repertorio sacro, che al momento non prevede un futuro discografico, con l’inno eucaristico ‘Panis Angelicus’, dalle “Messe Solennelle” musicato da César Franck, ed ha poi proseguito con l’ Ave Maria, di Charles-François Gounod, Sancta Maria di Pietro Mascagni e Domine Deusdalla “Petite Messe Solennelle” di Rossini.

A questo link è possibile rivedere il video della diretta.

“Dal cuore della città ferita una voce unirà il mondo”, è lo slogan del video-trailer pubblicato sulla pagina Facebook del tenore, icona della musica italiana nel mondo

L’invito del sindaco di Milano

Ad annunciarlo era stato il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, nel video che ogni giorno posta sulle sue pagine social per parlare dell’emergenza Coronavirus. “Ho chiamato Andrea Bocelli e l’ho invitato a venire a Milano, in Duomo il giorno di Pasqua, d’accordo con la chiesa milanese. – ha spiegato Sala -. Farà un concerto da solo, senza pubblico davanti, con musiche sacre che saranno trasmesse in streaming in tutto il mondo”.

 

© Riproduzione Riservata
Commenti