Sei qui: Home » Intrattenimento » Cinema » Le più grandi battute e le scene storiche nella storia del cinema
Suonala ancora, Sam

Le più grandi battute e le scene storiche nella storia del cinema

“Suonala ancora, Sam” è la versione rinnovata del libro di Roberto Casilini in cui sono riassunte tutte le grandi battute del cinema. Frasi e parole che hanno cambiato il nostro mondo.

La storia del cinema e le scene più emozionanti in un unico volume. Immaginate di prendere un libro e poter rileggere quel famoso monologo del vostro film preferito. Oppure quel dialogo ferrato, quella battuta divertente. Roberto Casilini ha fatto un lavoro chirurgico, quasi, per selezionare ben 7500 battute prese da più di 1500 film e le ha raggruppate con criterio illuminato alll’interno del libro “Suonala ancora, Sam“.

La storia del cinema

La prima edizione di questa mini enciclopedia delle battute più importanti del cinema, era stata pubblicata nel 1999 ed è tornata da poco nelle librerie, aggiornata con circa 500 battute in più. Queste sono raggruppate in maniera estremamente intelligente. Circa 80 grandi temi-contenitore: il bene, il bere, il corpo, Dio, l’età, la famiglia la giustizia, la malattia, il matrimonio, la morte, la politica, la ricchezza, il sonno, il viaggio, i titoli di testa e di coda. Tutti a loro volta comprendono ulteriori sottocategorie particolari.

I film della storia attraverso le loro battute

Alcuni film andrebbero visti solo per le loro battute. Battute entrate nel nostro immaginario collettivo e in grado di catturare qualsiasi spettatore.

Tra i film cult, presenti nel libro, troviamo Casablanca del 1942 (che ha ispirato il titolo del libro) o Quinto potere del 1976. Poi cult recenti come la saga di Harry Potter e Trainspotting. E infine anche gli Italiani come Amarcord di Federico Fellini, Bianco, rosso e Verdone di Carlo Verdone, Caro diario di Nanni Moretti, Mediterraneo di Gabriele Salvatores, La pazza gioia di Paolo Virzì, Il primo re di Matteo Rovere.

Una frase al giorno

Provate ad alzarvi la mattina, tenere il libro sul comodino e leggere (aprendo casualmente) una frase. Provate a rifletterci durante la giornata, fate un esercizio meditativo su questa o, perché no, provate a riproporla a qualcuno. Avrete sempre la battuta pronta!

 

© Riproduzione Riservata
Commenti
Precedente

“Non posso esistere senza di te”, John Keats e la forza dell’innamoramento

Antonella Lattanzi, “Il dolore del passato si può vincere andando avanti”

Successivo