Sei qui: Home » Intrattenimento » Cinema » “Il principe del deserto”, il film tratto dal romanzo di Hans Ruesch
Il film

“Il principe del deserto”, il film tratto dal romanzo di Hans Ruesch

“Il principe del deserto” è un film del 2011 diretto da Jean-Jacques Annaud e tratto dal romanzo “Il paese dalle ombre corte” di Hans Ruesch

Questa sera in tv su Iris, canale 22, andrà in onda “Il principe del deserto”, un film del 2011 diretto da Jean-Jaques Annaud e tratto dal romanzo di Hans Ruesch “Il paese dalle ombre corte”. Una pellicola che racconta la rivalità tra l’emiro Nesib e il sultano Amar.

“Il principe del deserto”, la trama

È il 1923 e nel deserto della penisola Arabica si fronteggiano l’emiro Nesib e il sultano in contesa per il predominio. Nesib ha la meglio e come vincitore detta le condizioni di pace, in particolare quelle che riguardano la Striscia Gialla, zona neutrale su cui nessuno dei due dovrà mai avanzare diritti. Come garanzia del rispetto del patto reclama i figli di Amar, Auda e Saleeh. I due ragazzi si trasferiscono e diventando due ostaggi. Gli anni di pace passano veloci, crescendo Saleeh diventa un guerriero ansioso di scendere in battaglia, mentre Auda coltiva un grande amore per i libri. Ma la scoperta del petrolio proprio nella Striscia Gialla scatenerà una seconda guerra tra i due emiri.

chocolat-la-dolcezza-dellamore-1201-568

“Chocolat”, la dolcezza dell’amore

“Chocolat” è un film del 2000 diretto da Lasse Hallström e tratto dall’omonimo romanzo di Joanne Harris

 

Un film imperfetto

Jean-Jaques Annaud, regista di capolavori come “Sette anni in Tibet” e “Il nome della rosa”, cerca di portare sul grande schermo un romanzo che però non funziona benissimo. La storia avvincente, l’azione delle scene e la trama non riescono tuttavia a rendere giustizia ad un grande regista che tra l’altro dirige grandi attori. Ciò non toglie che “Il principe del deserto” sia un film piacevole da guardare per una serata all’insegna di azione e colpi di scena. Il cast composto da Antonio Banderas, Mark Strong, Tahar Rahim e Freida Pinto, ad ogni modo, alza il livello di uno dei film, purtroppo, meno riusciti di Jean-Jaques Annaud.

© Riproduzione Riservata