Sei qui: Home » Intrattenimento » “Freddie Mercury. A life in ten pictures”, in arrivo il nuovo documentario
Il documentario

“Freddie Mercury. A life in ten pictures”, in arrivo il nuovo documentario

Arriva il nuovo documentario esclusivo sulla vita del frontman dei Queen. “Freddie Mercury. A life in ten pictures”

Dopo il grande successo del biopic “Bohemian Rhapsody” che raccontava la carriera della band inglese dei Queen, è in arrivo un documentario specifico sulla vita del frontman della band Freddie Mercury. “Freddie Mercury. A life in ten pictures” racconta la vita di uno dei personaggi più influenti della storia musicale.

“Freddie Mercury. A life in ten pictures”

Questo nuovo documentario sarà incentrato quasi esclusivamente sulla vita di Freddie Mercury. Targato BBC, vedrà la speciale partecipazione del giornalista del Daily Express David Wigg, amico e confidente del cantante. Wigg, infatti, era uno dei pochi membri della stampa britannica di cui Freddie, quasi sempre scettico e riservato, si fidava. David Wigg ha partecipato a parecchi eventi privati ed intimi della vita di Mercury. Uno dei più significativi è certamente il party organizzato nel 1946 a Ibiza, in occasione del suo quarantunesimo compleanno, al Pike’s Club. Stando alle parole del giornalista del Daily Express, Freddie Mercury all’epoca sapeva benissimo di aver contratto l’AIDS. L’iconica voce di “We Are The Champions” l’aveva infatti rivelato al suo amico giornalista, raccomandandogli però di non diffondere la notizia in alcun modo “David, tu sei un mio caro amico e voglio dirti tutta la verità su questa storia, ma devi promettermi di non scrivere nulla nei tuoi articoli.”

 

Il successo di “Bohemian Rapsody”

Il documentario su Freddie Mercury segue il grande successo del film “Bohemian Rapsody”, biopic che raccontava la storia della band. La pellicola girata da Singer nel 2018 e incentrata sui primi 15 anni della storia dei Queen. Dopo aver riscosso un successo straordinario nelle sale, ha addirittura ricevuto un Oscar. Il merito, naturalmente, è da attribuire anche e soprattutto alla magistrale interpretazione di Rami Malek, che si è aggiudicato la statuetta dell’Academy come miglior attore protagonista.

 

© Riproduzione Riservata