Sei qui: Home » Intrattenimento » Cinema » “Il filo nascosto”, ecco perché vedere questo film capolavoro
FILM DA VEDERE

“Il filo nascosto”, ecco perché vedere questo film capolavoro

Il filo nascosto è un film del 2017, considerato uno dei film più belli degli ultimi anni. Candidato a moltissimi Oscar, scopriamo perché vederlo.

È importante non abusare della parola “capolavoro”. Questa etichetta viene utilizzata spesso, forse troppo. In questo caso però, calza davvero a pennello. Il film di cui stiamo parlando è “Il filo nascosto”  di Paul Thomas Anderson. Vede nel cast Daniel Day-Lewis, Lesley Manville e Vicky Krieps. Questo segna l’ultima interpretazione di Day-Lewis, che nel giugno 2017 ha annunciato il suo ritiro dalla recitazione. 

“Il filo nascosto” è un film che diventa sempre meglio ad ogni visione, sia che l’abbiate amato subito sia che siate rimasti a riflettere dopo il primo sguardo. La pellicola ha ottenuto 6 candidature ai Premi Oscar 2018, aggiudicandosi quello per i migliori costumi. Ecco cinque ragioni per cui dovreste vederlo, anche più volte. Attenzione: spoiler e riferimenti ai punti principali della trama sono cuciti qua e là; è meglio leggere questo dopo aver visto il film almeno una volta.

Perché guardare “Il filo nascosto”

Un film indescrivibile. “Il filo nascosto” è stato candidato a ben 6 Oscar nel 2018, nel 2017 il sito National Board of Review l’ha classificato come uno dei 10 migliori film dell’anno e vede lo sviluppo di una trama estremamente particolare. La fotografia, la colonna sonora, la bravura dei protagonisti sono davvero ammirevoli e, ovviamente, rendono questo film un film di grandissima qualità. 

  1. Affronta il tema del “Workaholism”

I film trattano poco il concetto di dipendenza, figuriamoci il concetto di workaholism. Nel film “il filo nascosto” invece, ecco che questa dipendenza/malattia, diventa la protagonista principale della storia. La società associa in gran parte il lavoro al successo, così il workaholism, ovvero la dipendenza dal lavoro, è spesso, purtroppo, scambiato per benessere. Come tutte le dipendenze, il workaholism è un meccanismo di difesa profondamente malsano, una malattia reale e molto dannosa di cui si parla a malapena. 

Questo film di Anderson è ambientato nel mondo dell’alta moda della Londra degli anni ’50, e Day-Lewis interpreta il famoso stilista Reynolds Woodcock, che possiede una forza carismatica, geniale, ossessiva e iper controllata . Anche se la parola “stacanovista” non è sicuramente presente nella sceneggiatura di Anderson, Woodcock è profondamente immerso in questa malattia. Sul suo lavoro, Woodcock, infinitamente prepotente, calcola ogni momento nei minimi dettagli, e Dio non voglia che scombini qualcosa. Passa attraverso le donne, le muse, con grandissima rapidità e pensa di tenere sempre tutto sotto controllo. 

Fino a quando non arriva una bella cameriera di nome Alma. Una donna difficile da conquistare che metterà a dura prova lo stilista e la sua malattia “di lavoro”. 

2. La lotta romantica per il potere è affascinante da entrambi i lati.

Alcuni grandi film su storie d’amore tossiche e conflittuali, scritti con molta cura e attenzione, hanno il vantaggio di essere visti anche due volte di seguito in modo da poter seguire la storia da entrambe le prospettive; esempi recenti che mi vengono in mente sono Blue Valentine e Revolutionary Road. Anche Phantom Thread è uno di questi film.
Vi consigliamo, perciò, di godervi questa complessa storia d’amore, per ben due volte. In questo modo potrete entrare nella psicologia dell’uno e dell’altra poi.

3. È un film con diverse trame “nascoste”

È un film puzzle, sì. Per essere chiari, però, “Il filo nascosto” non è un film puzzle che vi farà chiedere “Cosa diavolo sto guardando e cosa significa ?”. No.  La narrazione è lineare e facile da seguire; Più che altro è interessante chiedersi cosa succede nella testa dei protagonisti, cercare di comprendere le loro azioni.  Provate a guardare “il filo nascosto” con un amico, e vedrete che probabilmente ne uscirete avendo visto due film diversi. Vedetelo due volte da soli, e potreste avere la sensazione di aver visto due film diversi. Insomma, le interpretazioni che si possono dare, sono diverse e anche contrastanti. Lasciatevi avvolgere dal mistero.

 

© Riproduzione Riservata