In memoria di Flavio Bucci

Morto l’attore Flavio Bucci, “l’irregolare di talento” del cinema italiano

E' morto in povertà l'attore torinese, che aveva collaborato con i più grandi registi italiani
flavio-bucci

Flavio Bucci è morto per un infarto a 72 anni, a Passoscuro, un piccolo paese del litorale romano dove si era rifugiato oramai povero, dopo una vita di eccessi e di successi. 

Il teatro e il cinema

Nato e cresciuto nei quartieri degli immigrati della Torino del dopoguerra, Flavio Bucci aveva iniziato la sua carriera sul palcoscenico del Teatro Stabile. Amante appasionato del teatro classico, ha interpretato i testi dei più grandi drammaturghi della storia, da Shakespeare a Gogol, da Woolf a Pirandello.

Negli anni’70, sedotto dal cinema e dalla dolce vita romana, si trasferisce nella capitale e grazie all’aiuto di Gian Maria Volontè viene scritturato da Elio Petri per partecipare a “La classe operaia va in paradiso”. Dopo aver raggiunto la fama con l’interpretazione di Total, personaggio protagonista di “La proprietà non è più un furto” nel 1973, interpretò in maniera magistrale il poeta e pittore Ligabue nell’omonimo sceneggiato Rai di Salvatore Nocita.

La lista delle sue interpretazioni e delle sue apparizioni è infinita, ma per rendere l’idea basta ricordare le sue partecipazioni a pellicole di  Alberto Sordi, Mario Monicelli, Dario Argento, Marco Tullio Giordana e Paolo Sorrentino.

Le dichiarazioni del figlio e del Ministro Dario Franceschini

I suoi ultimi anni non sono stati sereni purtroppo – ha dichiarato il figlio Alessandro in un’intervista all’ANSAed è triste pensare che in troppi lo abbiano abbandonato dopo una carriera così intensa tra il cinema e il teatro. Ma come spesso accade agli artisti aveva una sensibilità più acuta e dolorosa di noi uomini normali e il gran pregio di non rinnegare nulla di sé, neppure gli sbagli“. 

Dario Franceschini, invece, commenta la scomparsa affermando: “Il cinema italiano perde un grande attore. Nella sua lunga carriera Bucci ha saputo interpretare con passione e maestria molti ruoli, identificandosi, come lui stesso amava dire, in più vite e personalità di cui ha saputo cogliere l’essenza. È un giorno di lutto per il cinema italiano”.​

Un omaggio della RAI

RaiPlay rende omaggio all’attore proponendo lo sceneggiato “Ligabue”, trasmesso in tre puntate nel 1977.

© Riproduzione Riservata
Commenti