Sei qui: Home » Intrattenimento » Fabrizio Moro, le frasi più belle tratte dalle sue canzoni
Frasi canzoni

Fabrizio Moro, le frasi più belle tratte dalle sue canzoni

Oggi, 9 aprile, è il compleanno dell'amato cantautore romano Fabrizio Moro. Ecco una selezione delle frasi più belle delle sue canzoni.

Fabrizio Moro è uno dei cantautori Italiani più amati ed oggi è il suo compleanno. Vincitore di Sanremo Giovani nel 2007 con il brano “Pensa” e nel 2018 – insieme ad Ermal Meta- con il brano “non mi avete fatto niente”. Un artista di grande spessore, impegnato in battaglie sociali e in prima linea nella difesa delle borgate romane. Un uomo che ha saputo fare delle proprie esperienze, musica pura e di speranza. Con la sua voce graffiante ci ha regalato emozioni indicibili.

"Pensa" di Fabrizio Moro, la canzone simbolo della lotta alla mafia

“Pensa” di Fabrizio Moro, la canzone simbolo della lotta alla mafia

Intensa e coraggiosa, la canzone di Fabrizio Moro è diventata un vero e proprio inno della lotta contro la mafia. Noi la ascoltiamo oggi in ricordo di Giovanni Falcone e della sua scorta

Le frasi di Fabrizio Moro

Le canzoni di Fabrizio Moro sono colme di frasi e citazioni da brividi. I suoi testi sono di un’intensità incredibile ed oggi, appunto, vogliamo festeggiare l’artista, ricordando alcune di queste frasi…  Piene di amore e forza.

Ce l’hai fatta già altre volte, e ti ripeti che sei forte, che dopo tutto anche questa passerà.

“Tu portami via quando torna la paura e non so più reagire dai rimorsi degli errori che continuo a fare mentre lotto a denti stretti nascondendo l’amarezza dentro a una bugia.”

Ho paura di guardarmi dentro e di scoprire che non sono fatto apposta per le cose giuste.

Siamo fatti per sbagliare, e poi tornare indietro e desiderare sempre quello che sta dietro al vetro.

Cercare un equilibrio che svanisce ogni volta che parliamo

“E hai ragione tu.  Io ho paura di guardarmi dentro e di scoprire che non sono fatto apposta per le cose giuste.”

Le paure che sento come distanze da un centro sono l’amore che ho dentro e che non so controllare.

L’inizio è la ragione perché è l’indizio di una prospettiva un punto di partenza che nasce per distruggere il dolore di una circostanza.

Siamo fatti per sbagliare e poi tornare indietro. E desiderare sempre quello che sta dietro al vetro. Ma prenditi le scarpe e riprendi la tua rabbia E continua a cercare il tuo ago nella sabbia.

Gli amori vanno via, ma i sogni, i sogni, no. Alcuni non si avvereranno mai, però immaginare è l’unica certezza che ho e questa solitudine che sento sarà il prezzo per un po’ di libertà.

 

© Riproduzione Riservata