Sei qui: Home » Intrattenimento » Cinema » Pinocchio ritorna sul grande schermo, Benigni? È Geppetto
Classici al cinema

Pinocchio ritorna sul grande schermo, Benigni? È Geppetto

Il classico Pinocchio torna al cinema grazie alla regia di Matteo Garrone. Benigni è nel cast nei panni, questa volta, di Geppetto

Arriva domani 19 dicembre nelle sale cinematografiche l’ultimo film di Matteo Garrone: Pinocchio. Un grande classico, amato in tutto il mondo, che non ha età e che ci affascina in ogni epoca. Distribuito da 01 Distribution, il nuovo adattamento di Garrone prevede un cast eccezionale. In primis il premio Oscar Roberto Benigni, nei panni, questa volta, di Geppetto. Ad interpretare Pinocchio sarà invece il giovane Federico Ielapi, già conosciuto per Quo vado? e per Don Matteo

[amazon_link asins=’8807901110′ template=’ProductCarousel’ store=’libreriamo-21′ marketplace=’IT’ link_id=’d6cc78f5-e4ec-4056-a435-b254b312461a’]

 

pinocchio

Ecco perché “Pinocchio” è una storia senza tempo

C’è tutto in Pinocchio, dai soldi, al senso di giustizia, dalla necessità di amore al bisogno di soccorso. Change.org lancia una petizione affinché Pinocchio entri ufficialmente nei programmi scolastici

Roberto Benigni è Geppetto

Nel cast, insieme a Rocco Papaleo, Massimo Ceccherini (La volpe e il gatto), Marine Vacht (La fata turchina), Gigi Proietti (Mangiafuoco) e a Federico Ielapi (Pinocchio), c’è anche Roberto Benigni. L’attore toscano dopo aver interpretato il ragazzino di legno nel film da lui stesso diretto del 2001, questa volta è Geppetto, il paziente e amorevole falegname, papà dell’irrequieto bambino. Si tratta di un grande ritorno di Benigni, dato che il suo ultimo tributo risale al 2012 con “To Rome with love“. La sua performance ha da subito conquistato i critici, che l’hanno considerata emozionante e sorprendente. 

Il momento della creazione

 

Le cinque mostre più curiose da visitare in questo periodo

Le cinque mostre più curiose da visitare in questo periodo

Vi proponiamo cinque mostre inusuali da vedere in questo periodo, dai meravigliosi scatti del cielo sulle bellezze di Roma, ai giocattoli antichi o all’arto bionico accostato ai capolavori rinascimentali o dell’arte contemporanea.

Quando cresce il naso a Pinocchio

© Riproduzione Riservata