Sei qui: Home » Intrattenimento » Cinema » Morto l’attore Flavio Bucci, “l’irregolare di talento” del cinema italiano
In memoria di Flavio Bucci

Morto l’attore Flavio Bucci, “l’irregolare di talento” del cinema italiano

E' morto in povertà l'attore torinese, che aveva collaborato con i più grandi registi italiani

Flavio Bucci è morto per un infarto a 72 anni, a Passoscuro, un piccolo paese del litorale romano dove si era rifugiato oramai povero, dopo una vita di eccessi e di successi. 

Il teatro e il cinema

Nato e cresciuto nei quartieri degli immigrati della Torino del dopoguerra, Flavio Bucci aveva iniziato la sua carriera sul palcoscenico del Teatro Stabile. Amante appasionato del teatro classico, ha interpretato i testi dei più grandi drammaturghi della storia, da Shakespeare a Gogol, da Woolf a Pirandello.

Negli anni’70, sedotto dal cinema e dalla dolce vita romana, si trasferisce nella capitale e grazie all’aiuto di Gian Maria Volontè viene scritturato da Elio Petri per partecipare a “La classe operaia va in paradiso”. Dopo aver raggiunto la fama con l’interpretazione di Total, personaggio protagonista di “La proprietà non è più un furto” nel 1973, interpretò in maniera magistrale il poeta e pittore Ligabue nell’omonimo sceneggiato Rai di Salvatore Nocita.

La lista delle sue interpretazioni e delle sue apparizioni è infinita, ma per rendere l’idea basta ricordare le sue partecipazioni a pellicole di  Alberto Sordi, Mario Monicelli, Dario Argento, Marco Tullio Giordana e Paolo Sorrentino.

Le dichiarazioni del figlio e del Ministro Dario Franceschini

I suoi ultimi anni non sono stati sereni purtroppo – ha dichiarato il figlio Alessandro in un’intervista all’ANSAed è triste pensare che in troppi lo abbiano abbandonato dopo una carriera così intensa tra il cinema e il teatro. Ma come spesso accade agli artisti aveva una sensibilità più acuta e dolorosa di noi uomini normali e il gran pregio di non rinnegare nulla di sé, neppure gli sbagli“. 

Dario Franceschini, invece, commenta la scomparsa affermando: “Il cinema italiano perde un grande attore. Nella sua lunga carriera Bucci ha saputo interpretare con passione e maestria molti ruoli, identificandosi, come lui stesso amava dire, in più vite e personalità di cui ha saputo cogliere l’essenza. È un giorno di lutto per il cinema italiano”.​

Un omaggio della RAI

RaiPlay rende omaggio all’attore proponendo lo sceneggiato “Ligabue”, trasmesso in tre puntate nel 1977.

© Riproduzione Riservata