Sei qui: Home » Intrattenimento » Cinema » “La leggenda del pianista sull’oceano” e la musica di Morricone
film da vedere

“La leggenda del pianista sull’oceano” e la musica di Morricone

"La leggenda del pianista sull'oceano", film diretto nel 1998 da Giuseppe Tornatore, tratto dal monologo "Novecento" di Alessandro Baricco, è ritenuto un capolavoro anche grazie alla colonna sonora realizzata da Ennio Morricone.

Oggi ricorre l’anniversario della morte del grande compositore Ennio Morricone, morto a Roma il 6 luglio dello scorso anno. “La leggenda del pianista sull’oceano“, film diretto nel 1998 da Giuseppe Tornatore, tratto dal monologo “Novecento” di Alessandro Baricco, è ritenuto un capolavoro anche grazie alla colonna sonora realizzata da Ennio Morricone, che gli valse numerosi riconoscimenti.

“La leggenda del pianista sull’oceano”, la trama

Un neonato viene trovato in un cesto nascosto a bordo del transatlantico Virginian che fa il percorso tra l’Europa e l’America. Lo prende con sé un operaio fuochista e gli dà il nome di Novecento, in omaggio al ventesimo secolo che sta cominciando. Novecento rimane sulla nave e, dopo la morte del padre adottivo, tutto l’equipaggio lo aiuta a crescere.

Il ragazzino osserva il variopinto mondo dei passeggeri: i ricchi signori in prima classe, gli emigranti che sognano una nuova vita in America, le ragazze, le merci, la confusione. Da adulto, Novecento si accorge che suonare il piano è il suo grande interesse. Cosi comincia, allieta le serata in sala da ballo con l’orchestra, e la fama della sua bravura si diffonde anche a terra. Un giorno, raggiunto da queste notizie, Jelly Roll Morton, il più grande pianista jazz, sale a bordo per lanciargli una sfida pianistica.

Le passioni dell’uomo comune

Il tema centrale del film è quello concernente alla “vita”. Il transatlantico diventa un micro-cosmo, un palcoscenico in cui i vari aspetti della vita si manifestano: si tratta della metafora dell’esistenza quotidiana dell’uomo comune, che nell’arco della sua vita affronta l’amicizia, la scoperta dell’amore, i dubbi e la paura. Il protagonista Novecento vede quel piccolo mondo della nave come il mondo intero e lui stesso è come l’uomo del mondo reale, quello che vive sulla terra: ogni uomo infatti si trova, nell’arco della sua vita, di fronte alla decisione di affrontare qualcosa che sembra più grande di noi, di fare un salto nel vuoto e di affrontare l’ignoto.

La colonna sonora di Ennio Morricone

Quando l’amico Tornatore gli chiese di comporre la colonna sonora, Ennio Morricone non si tirò indietro, lavorando un anno intero alle musiche di “La leggenda del pianista sull’oceano”. Il risultato è stato un Golden Globe, un David di Donatello e un Nastro d’Argento speciale.

© Riproduzione Riservata