Sei qui: Home » Intrattenimento » “Aenne Burda. La donna del miracolo economico”, il film sull’editrice tedesca
Il film

“Aenne Burda. La donna del miracolo economico”, il film sull’editrice tedesca

“Aenne Burda. La donna del miracolo economico” è un film del 2018 che racconta l’incredibile storia vera dell’editrice tedesca

Questa sera su Canale 5, alle 21:16, andrà in onda il film “Aenne Burda. La donna del miracolo economico”. La pellicola del 2018, diretta da Francis Meletzky, racconta la storia vera dell’editrice tedesca Aenne Burda, creatrice della celebre rivista di moda Burda Moden, simbolo fashion dal 1952.

“Aenne Burda. La donna del miracolo economico”

Aenne Burda, sposata con l’editore tedesco Franz Burda e madre di tre figli conduce in silenzio una vita coniugale umiliante, fatta di continui tradimenti.  Per distrarsi, decide di dedicarsi all’azienda di famiglia con il suo contributo personale con riviste femminili, che contengono al loro interno anche dei cartamodelli, cosicché ogni donna riesca a realizzare in casa gli abiti visti tra le pagine del magazine. È da qui che nasce l’idea di Burda Moden. La rivista è subito un successo, viene tradotta in diverse lingue ed è il primo magazine occidentale a essere pubblicato anche in Unione Sovietica. Aenne ottiene la sua rivalsa personale sul marito e diventa un simbolo della ripresa economica tedesca e del mondo della moda.

 

Un successo tutto al femminile

Il film racconta la storia incredibile di Aenne che, con il suo ingegno e la sua fantasia, riesce a realizzarsi personalmente a discapito delle amarezze della vita privata causate da un matrimonio infelice fatto di continui tradimenti, e a diventare uno dei più importanti simboli del miracolo economico tedesco. La figura di Aenne è fondamentale perché rappresenta il successo di una donna in un periodo di grande depressione, il secondo dopoguerra, in una Germania sconfitta. Il suo contributo ha fatto sì che tutte le donne, anche quelle con grandi problemi economici, potessero avere vestiti nuovi e alla moda creandoli da sole, grazie all’inserto della rivista che prevedeva i vari cartamodelli dei vestiti pubblicati.

© Riproduzione Riservata