Addio al regista americano

Addio a Garry Marshall, padre di “Pretty Woman” e “Happy Days”

Il grande regista americano Garry Marshall è scomparso oggi a 81 anni. Il suo ultimo film 'Mother's day' è ancora nelle sale cinematografiche
Garry Marshall

MILANO – Regista dell’amatissimo “Pretty Woman” e ideatore della serie di successo “Happy Days”, Garry Marshall è scomparso oggi all’età di 81 anni. Hollywood piange così uno dei più importanti e amati registi di commedie sentimentali. Il suo ultimo film “Mother’s Day” con Jennifer Aniston, Julia Roberts e Kate Hudson è ancora nelle sale italiane. Ripercorriamo insieme le tappe e i film più importanti della sua carriera per omaggiare il grande regista.

.

LA VITA E LA CARRIERA – Nato a New York il 13 novembre 1934, Garry Marshall, dopo la laurea inizia a lavorare come reporter per il Daily News. Nel 1961 si trasferisce a Los Angeles dove inizia a collaborare  alla sceneggiatura delle sitcom televisive “The Dick Van Dyke Show” e “The Lucy Show”.  Negli anni ’70 realizzò serie tv di grande successo come Happy Days, Mork e Mindy e Laverne & Shirley. La sua carriera lo vede come protagonista anche come attore in produzioni di successo come “E.R. medici in prima linea” e “Sabrina – Vita da strega” e “La vita secondo Jim”. Il regista esordisce nel cinema con “L’ospedale più pazzo del mondo”. Nel 1990 dirige il film che l’ha portato alla ribalta internazionale, “Pretty Woman”. Questo però non rimane l’unico film di successo di Marshall, che si specializza in commedie sentimentali. Altri film da ricordare sono “Paura d’amare”, un film del 1991 con Al Pacino e Michelle Pfeiffer, e “Se scappi ti sposo”, il film del 1999 in cui Gere e Roberts sono tornati a recitare insieme. L’ultimo film in ordine di tempo è stato “Mother’s Day”, una serie di storie intrecciate che sono legate da un sottile filo rosso: il legame materno.

.

 

© Riproduzione Riservata
Commenti