fino al cinema

5 film basati su opere teatrali

Molte opere teatrali di successo sono approdate sul grande schermo. In particolar modo le tragedie di Shakespeare
5 film basati su opere teatrali

 

MILANO – Molte opere teatrali di successo sono approdate sul grande schermo. In particolar modo le tragedie di Shakespeare. Sicuramente “Romeo e Giulietta” è uno dei drammi più rappresentati a teatro e trasposto al cinema ma non solo: “Amleto”, “Antonio e Cleopatra”, “il Mercante di Venezia”. Non solo il Bardo però, le opere di tutti tempi sono diventate pellicole di successo, vediamo le 5 più importanti.

 

1. Romeo + Giulietta (Baz Luhrmann)

“Romeo + Giulietta”, preceduto dalle versioni di George Cukor e Zeffirelli, propone una versione moderna della tragedia più famosa di William Shakespeare. Protagonisti, come novelli Romeo e Giulietta, Leonardo di Caprio e Claire Danes. Le famiglie rivali (i Montecchi e i Capuleti) sono rappresentate come potenti imperi d’affari in guerra tra loro, le spade sono state sostituite dalle pistole.

.

2. West side story (Jerome Robbins e Robert Wise)

“West side story” è un film del 1961 tratto dall’omonimo musical.  Dopo 4 anni di successi e di repliche ininterrotte a Broadway, Robbins e Wise, superando non poche difficoltà, portarono sul grande schermo questo musical che contava già allora numerosissimi fan. La storia è quella dell’amore contrastato di due ragazzi appartenenti a due mondi diversi: lei, Maria, sorella del capo-banda dei portoricani Sharks (Squali), e lui, Tony, ex-componente, pentito, della banda rivale dei newyorkesi anglosassoni Jets: una sorta di Romeo e Giulietta (di William Shakespeare) dei tempi nostri.

.

3. Un tram che si chiama desiderio (Elia Kazan)

Tratto da “Un tram che si chiama desiderio” (1947) di Tennessee Williams è uno dei film più famosi del regista americano. Girato in soli trentasei giorni, nelle intenzioni di Kazan doveva essere interpretato dallo stesso cast teatrale. Alla fine, visto che era richiesta una star fu scelta Vivien Leigh, che aveva già recitato nel ruolo di Blanche nell’allestimento inglese diretto dal marito, Lawrence Olivier. Grazie a questo «sacrificio», Kazan poté tenere il resto del cast, tra cui Brando.

.

4. Tradimenti (David Jones)

“Tradimenti” (Betrayal) è un adattamento cinematografico del 1983  dell’omonima opera teatrale dell’artista inglese Harold Pinter. Partendo da una sceneggiatura semi-autobiografica di Pinter, il film è stato prodotto da Sam Spiegel e diretto da David Jones.

.

5. Filumena Marturano (Eduardo De Filippo)

Il film del 1951  è tratto dall’omonima commedia di Eduardo De Filippo del 1946.  Diretto e interpretato da lui stesso e da sua sorella Titina, va  ricordato insieme alla versione televisiva (1962) con Regina Bianchi nella parte che fu di Titina; Vittorio De Sica ne trasse poi “Matrimonio all’italiana” (1964), con Sophia Loren e Marcello Mastroianni, sempre ambientato a Napoli.

 

© Riproduzione Riservata
Commenti