Sei qui: Home » Frasi » La frase di Pascoli che ci insegna la magia delle piccole cose
La frase del giorno

La frase di Pascoli che ci insegna la magia delle piccole cose

Il pensiero di Giovanni Pascoli tratto da “Il fanciullino” per imparare a cogliere la bellezza dei dettagli e avere una vita più piena

Oggi ricorre l’anniversario di Giovanni Pascoli, nato a San Mauro di Romagna il 31 dicembre del 1855 e morto a Bologna il 6 aprile del 1912. Per la frase del giorno abbiamo pensato di recupere un suo pensiero contenuto ne “Il fanciullino

“La poesia consiste nella visione d’un particolare inavvertito, fuori e dentro di noi.”

Scoprirsi poeti osservando i dettagli

Questa frase di Giovanni Pascoli è forse una delle più illuminanti che si possano leggere. La poesia si trova in tutto ciò che ci circonda e che siamo noi, basta avere gli occhi giusti per coglierne la bellezza. Questa bellezza, però, si insinua nei più piccoli e semplici dettagli ai quali, troppo spesso a causa delle nostre vite frenetiche, non facciamo caso. Pascoli ci insegna la magia della meraviglia, quella che i bambini sanno cogliere nel modo più naturale possibile. Non a caso, infatti, questa citazione si trova proprio nel testo “Il fanciullino” in cui il poeta spiega come sia importante mantenere vivo il fanciullo che è in noi. Dovremmo prendere alla lettera questo insegnamento per godere appieno della vita.

buoni-propositi-charles-m-schulz-1201-568

Buoni propositi per il nuovo anno, l’insegnamento di Charles M. Schulz

Per capire fino in fondo la cosa migliore da prefiggersi per questo 2022 vi proponiamo, come frase del giorno, questo bellissimo pensiero del fumettista Charles M. Schulz, creatore dei “Peanuts“.

 

Giovanni Pascoli

Giovanni Pascoli nacque a San Mauro di Romagna nel 1855. Dai sette ai dodici anni studiò nel collegio “Raffaello”, che dovette lasciare in seguito alla morte del padre, ucciso da sconosciuti mentre tornava dalla fiera di Cesena. Si iscrisse alla facoltà di Lettere dell’Università di Bologna dove si laureò e subito iniziò la carriera d’insegnante di latino e greco. Negli anni universitari Pascoli subisce il fascino dell’ideologia socialista di Andrea Costa. Partecipa a manifestazioni contro il governo, viene arrestato nel ’79 e si trova a dover trascorrere alcuni mesi in carcere. Insegnò per varie Università, finché nel 1905 ottenne a Bologna la cattedra di Letteratura italiana. Morì a Bologna nel 1912.

Alice Turiani

© Riproduzione Riservata