Sei qui: Home » Frasi » Etty Hillesum, 15 frasi tratte dal suo Diario
Frasi d'amare

Etty Hillesum, 15 frasi tratte dal suo Diario

Scopri le più belle frasi di Etty Hillesum tratte dal suo Diario

E se Dio non mi aiuterà più, allora sarò io ad aiutare Dio.” In questa frase, tratta dal suo Diario (1941-1943) c’è l’immensità del pensiero di Etty Hillesum, una giovane donna ebrea olandese che all’età di 29 anni perse la vita nel campo di sterminio di Auschwitz, dove era stata deportata insieme ai genitori e al fratello Misha. Era il il 30 novembre 1943. Quel giorno la barbarie nazista segnò la fine di una grande donna e di una grande scrittrice.

Oggi, 15 gennaio è il suo compleanno. Noi vogliamo accendere infinite candeline e soffiare insieme a lei.  Il nostro augurio e di poterla riabbracciare prima o poi. Sarebbe un peccato non poterla mai incontrare e non poter godere della magia della sua sensibilità e della sua intelligenza. Etty Hillesum nacque Middelburg, in Olanda nel 1914. Condividiamo per poterla ricordare 15 frasi del suo Diario che segna e racconta l’amarezza di una persecuzione barbara e omicida nei riguardi di milioni di innocenti, la cui unica colpa era essere di origine ebraica. Assurdo!!!

Il Diario di Etty Hillesum è un percorso di fede e di speranza. E’ un atto di amore e tolleranza, meriterebbe di essere insegnato nelle scuole e università. 

Etty Hillesum - anniversario nascita

Etty Hillesum, la scrittrice ebrea olandese vittima dell’Olocausto

Il 15 gennaio del 1914 nasceva Etty Hillesum la scrittrice che rinunciò a salvarsi per non abbandonare il suo popolo e la sua terra.

Il Diario di Etty Hillesum è un dono all’umanità

Il Diario di Etty Hillesum è un dono all’umanità intera, un’opera senza tempo le cui frasi scritte sembrano non avere tempo. Il Diario di Etty Hillesum è sempre attuale. E’ un libro che può aiutare tutti noi a vedere la vita con occhi diversi. 

Trovo bella la vita, e mi sento libera. I cieli si stendono dentro di me come sopra di me. Credo in Dio e negli uomini e oso dirlo senza falso pudore. La vita è difficile, ma non è grave. Dobbiamo prendere sul serio il nostro lato serio, il resto verrà allora da sé: e lavorare sé stessi non è proprio una forma di individualismo malaticcio. Una pace futura potrà esser veramente tale solo se prima sarà stata trovata da ognuno in sé stesso – se ogni uomo si sarà liberato dall’odio contro il prossimo, di qualunque razza o popolo, se avrà superato quest’odio e l’avrà trasformato in qualcosa di diverso, forse alla lunga in amore se non è chiedere troppo

Basta leggere questa citazione tratta dal Diario per capire quanta forza spirituale e quanta energia esistenziale ci sia stata in Etty Hillesum. Chi scrive ringrazia di averla trovata, nella consapevolezza che ciò si scopre non è mai il frutto del caso.

15 frasi dal Diario di Etty Hillesum

Voglio essere un cuore pensante.

Quando pensi che l’altro non ti consideri abbastanza, significa che gli sei legato e, per via di questo legame, non sei indipendente. Quanto meno ti aspetti, tanto più ricevi.

La vita si svolge interiormente e lo scenario esteriore ha sempre meno importanza.

Bisogna combatterle come le pulci, le tante piccole preoccupazioni per il futuro che divorano le nostre migliori forze creative.

Molti di coloro che oggi s’indignano per certe ingiustizie, a ben guardare s’indignano solo perché quelle ingiustizie toccano proprio a loro: quindi non è un’indignazione veramente radicata e profonda.

Non credo più che si possa migliorare qualcosa nel mondo esterno senza aver prima fatto la nostra parte dentro di noi.

Quello che otteniamo spontaneamente da noi stessi ha basi più solide e durature di quello che realizziamo per forza.

L’odio indiscriminato è una malattia dell’anima, odiare non è nel mio carattere.

Dio non è responsabile verso di noi, siamo noi a esserlo verso di lui.

Fiorire e dar frutti in qualunque terreno si sia piantati – non potrebbe essere questa l’idea?

Lasciar completamente libera una persona che si ama, lasciarla del tutto libera di fare la sua vita, è la cosa più difficile che ci sia.

Se si prega per qualcuno, gli si manda un po’ della propria forza.

Quando abbiamo dell’avversione per gli altri le ragioni dobbiamo cercarle nel disgusto che sentiamo per noi stessi: ama il prossimo tuo come te stesso.

Se tu affermi di credere in Dio devi anche essere coerente, devi abbandonarti completamente e devi avere fiducia. E non devi neppure preoccuparti per l’indomani.

Non devo volere le cose, devo lasciare che le cose si compiano in me.

© Riproduzione Riservata