World Press Photo 2017, vince la foto dell’attentato all’ambasciatore russo

Sono stati annunciati questa mattina i vincitori del World Press Photo 2017. Vincitrice assoluta la foto del turco Burhan Ozbilici
World Press Photo 2017, vince la foto dell'attentato all'ambasciatore russo

MILANO – Sono stati annunciati questa mattina i vincitori della 60esima edizione del World Press Photo, il più importante concorso di fotogiornalismo al mondo. Vincitrice assoluta per il 2017, la foto “An Assassination in Turkey” del fotografo turco Burhan Ozbilici.

THE WINNER IS – “È stata una decisione molto molto difficile, ma alla fine abbiamo ritenuto che la foto dell’anno fosse un’immagine esplosiva che parlasse davvero dell’odio dei nostri tempi. Ogni volta che arrivava sullo schermo dovevi quasi spostarti indietro, tanto è forte quell’immagine”. Con queste parole Mary F. Calvert, una dei giurati, ha commentato la foto vincitrice della 60esima edizione del concorso fotografico più famoso del mondo. Lo scatto di Ozbilici immortala l’assassinio dell’ambasciatore russo Anderey Karlov, avvenuto lo scorso 19 dicembre durante l’inaugurazione di una mostra in una galleria d’arte ad Ankara (Turchia).  La tragica istantanea ritrae il killer, Mevlüt Mert Altıntaş,, in piedi con la pistola nella mano destra e la sinistra verso il cielo. Il corpo dell’ambasciatore appena assassinato è a terra. La foto, che aveva fatto il giro del mondo, è stata definita da Stuart Franklim, presidente della giuria, “una foto con un impatto incredibilmente forte”

WORLD PRESS PHOTO – Il premio World Press Photo è uno dei più importanti riconoscimenti nell’ambito del fotogiornalismo. Ogni anno, da 60 anni, una giuria formata da sette esperti internazionali, è chiamata ad esprimersi e a premiare i migliori scatti. Quest’anno sono state sottoposte alla giuria più di 80mila foto, scattate da 5.034 fotografi (45 sono quelli premiati) provenienti da 125 paesi. Le immagini vincitrici faranno parte di una mostra itinerante esposta in 45 paesi. In Italia, più precisamente al Palazzo delle esposizioni di Roma, sarà possibile visitarla dal 28 aprile al 28 maggio 2017.

© Riproduzione Riservata