il premio fotografico

Sony World Photography Awards 2020, Pablo Albarenga è il Photographer of the Year

Il fotografo uruguaiano, con la serie Seeds of Resistance, si è aggiudicato l’ambito titolo di Photographer of the Year del Sony World Photography Awards 2020
Sony World Photography Awards 2020, Pablo Albarenga è il Photographer of the Year

La World Photography Organisation ha annunciato i vincitori dei prestigiosi Sony World Photography Awards 2020. Pablo Albarenga (Uruguay), con la serie Seeds of Resistance, si è aggiudicato l’ambito titolo di Photographer of the Year e il relativo premio in denaro di 25.000 dollari. Rivelati i nomi dei primi, dei secondi e dei terzi classificati nelle dieci categorie Professional. Nominati inoltre i vincitori dei concorsi Open, Student e Youth.

La fotografia vincitrice

Seeds of Resistance è un corpus di lavori che abbina scatti di paesaggi e territori messi a rischio da attività minerarie e commercio agricolo e ritratti degli attivisti che lottano per salvaguardarli. Nel 2017, almeno 207 leader e ambientalisti hanno perso la vita nel tentativo di proteggere le loro comunità da progetti che minacciavano i loro territori. Secondo un report presentato nel 2018 da Global Witness, la maggior parte degli omicidi ha avuto luogo in Brasile, con 57 assassinii. Le vittime erano, nell’80% dei casi, impegnate nella difesa dell’Amazzonia.

L’opera di Albarenga esplora il legame tra gli attivisti e la terra, concepita come l’area sacra in cui i loro antenati riposano da centinaia di generazioni. Con le riprese aeree, i protagonisti degli scatti sono ritratti dall’alto come se stessero donando la vita per il loro territorio.

I vincitori nelle altre categorie

I vincitori del concorso Professional sono stati selezionati da una giuria di esperti sulla base di un corpus di lavori composto da 5-10 immagini di varia natura. Le fotografie erano dedicate a soggetti e osservazioni personali così come a notizie da prima pagina e temi poco noti, ma di importanza fondamentale. Le opere dei vincitori sono visibili in questa mostra virtuale.

© Riproduzione Riservata
Commenti