Scene da matrimonio, per raccontare la società italiana attraverso gli scatti fotografici durante il giorno più importante

''Scene da matrimonio'', la mostra di fotografie tratta dai reportage di Daniele Del Castillo in mostra fino al 2 settembre presso lo Spazio Oberdan a Milano, non segue l'approccio iper-patinato, percorrendo invece la strada della narrazione, non solo dei momenti canonici, ma anche del contesto, con le attese, le reazioni, le pause, l’imprevedibile che tuttavia accade...

Le fotografie di Daniele Del Castillo in mostra presso lo spazio Oberdan narrano oltre ai momenti canonici le attese, le reazioni, le pause, l’imprevedibile che accade il giorno delle nozze

 

MILANO – La fotografia di matrimonio è un genere che oscilla tra i rischi di un evento irripetibile e i cliché della liturgia: il bouquet lanciato per aria, il coltello che affonda nella torta, un parente in lacrime. “Scene da matrimonio”, la mostra di fotografie tratta dai reportage di Daniele Del Castillo in mostra fino al 2 settembre presso lo Spazio Oberdan a Milano, non segue quell’approccio iper-patinato che rende tutti gli sposi così belli e così uguali, e nemmeno insegue il più recente trend della post-produzione (oggi colori supersaturi, domani slavati). Percorre invece la strada della narrazione, che è quella di raccontare la storia non di un matrimonio astratto, ma di quel matrimonio specifico; e non solo i momenti canonici, ma anche le attese, le reazioni, le pause, l’imprevedibile che tuttavia accade. In una parola, il contesto.

 

DETTAGLI CHE RACCONTANO UNA SOCIETA’ – “Del Castillo si muove con la beata incoscienza di chi sa di essere tra i primi della classe – osserva il fotogiornalista Rino Pucci – E con le coppie ci sa fare: le invita a cena, le studia prima del grande giorno. Nell’attesa, i suoi bouquet nel frigo, i suoi sposi che si specchiano nella finestra di un tram milanese o i suoi ombrellini parasole che sfidano il cielo d’Australia vanno oltre la sera del dì di festa. Sono dettagli illuminanti che raccontano, e tanto, di una società e di un’epoca. Con il bonus che alla sposa piacciono tantissimo: e scusate se è poco”.

 

FOTOGIORNALISMO DA MATRIMONIO – L’autore del “wedding reportage”, detto anche “fotogiornalismo di matrimonio”, che ha il pregio di enfatizzare lo stile da reportage e la velocità di risposta, è il fotografo giornalista Daniele Del Castillo. Dopo anni trascorsi a lavorare per note agenzie giornalistiche italiane approda nel 2007 al Corriere della Sera. Qui rimane come collaboratore fisso fino al 2009 anno in cui decide di dedicarsi esclusivamente al wedding reportage e ai ritratti. Dal 2010 è membro pluripremiato della prestigiosa ISPWP e fino al 2011 è stato membro dell’associazione americana WPJA ricevendo molti premi e riconoscimenti. Da pochi mesi è membro dell’esclusiva Junebug weddings, associazione americana che raccoglie l’eccellenza della fotografia mondiale di matrimonio. Attualmente lavora in Australia dove vive ed in Italia dove realizza pochi e selezionati matrimoni.

 

OLTRE IL TEMPO – “La mostra ‘Scene da un matrimonio’ di Daniele Del Castillo – osserva il Vice Presidente e Assessore alla Cultura della Provincia di Milano, Novo Umberto Maerna –  prosegue il percorso idealmente cominciato con gli eventi dedicati a Santa Gianna Beretta Molla e a San Luigi Guanella, incentrati sui temi della famiglia e dell’educazione, in occasione della visita a Milano di Papa Benedetto XVI per il Forum Mondiale delle Famiglie. Queste foto ‘fissano’ momenti particolarmente significativi, destinati ad andare oltre il tempo, che suggellano l’atto costitutivo di ogni famiglia. ‘Scene da un matrimonio’ – conclude Maerna – è una mostra che completa e arricchisce la proposta culturale di Spazio Oberdan, adatta senza dubbio a un pubblico vasto ed eterogeneo”.

 

24 agosto 2012

© Riproduzione Riservata
Commenti