Giornata Mondiale della Biodiversità

Rinata una foresta: la sfida di Salgado per proteggere la biodiversità

Quando nel 1998 Salgado torna in Brasile, non trova più il luogo che ricordava: la foresta era sparita e con lei la sua ricca biodiversità...
salgado-instituto-terra

La riforestazione è difficile ma non impossibile. Lo dimostra la sfida vinta dal reporter brasiliano Sebastião Salgado insieme alla moglie. In venti anni hanno riportato un’area diventata completamente brulla alla vita e adesso è una riserva naturale. In occasione della Giornata Mondiale della Biodiversità, voglia ripercorrere questo viaggio compiuto dal fotografo brasiliano, insieme alla moglie, per riportare alla vita un’area che sembrava ormai destinata a morire. 

La storia

Dopo anni spesi a viaggiare in giro per il mondo e a testimoniare alcuni degli eventi più sanguinosi della storia umana, come il genocidio in Ruanda, Sebastião Salgado torna in Brasile. Turbato da questa esperienza, decide di tornare alle origini. Ma non trova quello che stava cercando: la bellissima foresta in cui era cresciuto non esisteva più. Della foresta pluviale, che pochi decenni prima occupava più della metà di quel territorio, ne restava soltanto una piccola parte, circa lo 0,5%. Ma, di fronte a quella devastazione, il fotografo brasiliano impugna la sua macchina fotografica per utilizzarla ancora una volta come strumento di denuncia. 

Il sogno di far rinascere una foresta

Oltre a denunciare la deforestazione del Brasile, Salgado ha nel cassetto un sogno: ripiantare una foresta in Brasile per ridare vita al ranch che il padre aveva gestito fino al momento della sua morte. Una terra impoverita, deforestata, con pascoli ormai brulli e sabbiosi, dove un tempo c’era uno dei polmoni verdi del pianeta. Insieme alla moglie Lélia Deluiz Wanick Salgado, decide così di creare una comunità di sviluppo ambientale.

Salgado e la nascita dell’Instituto Terra

Con l’intento di restituire alla foresta pluviale subtropicale la sua straordinaria biodiversità, nel 1998 nasce ufficialmente Instituto Terra. L’organizzazione interviene in una zona complessa, che per secoli ha subito deforestazione e sfruttamento incontrollato delle risorse. Una luogo in cui a pagare le conseguenze di quelle scelte scellerate è l’ambiente, ma anche le popolazioni che basavano il proprio sostentamento sul lavoro nei campi. Quella messa in atto da Instituto Terra è un’opera di riforestazione senza precedenti. Ha dimostrato che, con il ritorno della vegetazione, l’acqua può tornare a scorrere e le specie di animali a rischio estinzione possono essere salvate.

 

© Riproduzione Riservata
Commenti