Fotografia e ambiente

Anthropocene, la mostra fotografica che racconta l’impatto dell’uomo sull’ambiente

Al MAST di Bologna arriva la mostra fotografica e multimediale "Anthropocene" che racconta le incursioni dell'uomo sull'ambiente
Anthropocene, la mostra fotografica e multimediale che racconta l'impatto dell'uomo sull'ambiente

L’ambiente è al centro degli interessi della FONDAZIONE MAST (Manifattura di Arti, Sperimentazione e Tecnologia) di Bologna che ospita in anteprima in Europa fino al 5 gennaio 2020 la mostra Anthropocene. La mostra indaga l’impatto dell’uomo sul pianeta attraverso le immagini di Edward Burtynsky, i filmati di Jennifer Baichwal e Nicholas de Pencier e le esperienze immersive di realtà aumentata.

LEGGI ANCHE: Incendi in Amazzonia, Siberia, Canarie e Indonesia. Perché è importante difendere le foreste

Anthropocene, l’impatto dell’uomo sul pianeta

Il progetto Anthropocene documenta tramite un’esplorazione multimediale l’indelebile impronta umana e le sue incursioni sulla terra: dalle barriere frangiflutti delle coste cinesi alle psichedeliche miniere di potassio nei monti Urali in Russia, dalla devastazione della Grande barriera corallina australiana ad una delle più grandi discariche del mondo a Dandora, in Kenya.

Edward Burtynsky, Coal Mine #1, North Rhine, Westphalia, Germany 2015 photo © Edward Burtynsky, courtesy Admira Photography, Milan / Nicholas Metivier Gallery, Toronto

Il tutto è documentato tramite i bellissimi scatti del fotografo di fama mondiale Edward Burtynsky e le tredici video-installazioni HD, che combinano arte, cinema, realtà aumentata e ricerca scientifica, dei pluripremiati registi Jennifer Baichwal e Nicholas de Pencier.

Edward Burtynsky, Makoko #2, Lagos, Nigeria 2016 photo © Edward Burtynsky, courtesy Admira Photography, Milan / Nicholas Metivier Gallery, Toronto

L’uomo (cominciamo ora a rendercene conto) sta distruggendo il mondo. L’estrazione mineraria, l’urbanizzazione, l’industrializzazione, l’eccesso di CO2, l’acidificazione degli oceani dovuta al cambiamento climatico, la deforestazione, la presenza pervasiva e globale della plastica, del cemento e di altri tecno-fossili tutte estese su scala planetaria sono così pesanti che i loro effetti sono destinati a influenzare il corso delle ere geologiche.

Edward Burtynsky, Saw Mills #1, Lagos, Nigeria 2016 photo © Edward Burtynsky, courtesy Admira Photography, Milan / Nicholas Metivier Gallery, Toronto

La realtà aumentata e il progetto scientifico

Nel percorso espositivo si trovano inoltre tre installazioni di Realtà Aumentata che ricreano su smartphone e tablet un modello fotorealistico tridimensionale di alcuni degli effetti devastanti causati dal dominio dell’uomo sulla terra come l’estinzione della specie animale. Per fruire di queste installazioni basterà o scaricare l’app AVARA (disponibile sia su App Store che su Google Play) sul proprio dispositivo mobile, oppure utilizzare i tablet messi a disposizione da MAST.

Edward Burtynsky, Uralkali Potash Mine #4, Berezniki, Russia 2017 photo © Edward Burtynsky, courtesy Admira Photography, Milan / Nicholas Metivier Gallery, Toronto

Tutto il progetto di Anthropocene si basa sulla ricerca del gruppo internazionale di scienziati Anthropocene Working Group impegnato nel raccogliere prove del passaggio dall’attuale epoca geologica – l’Olocene, iniziata circa 11.700 anni fa – all’Antropocene (dal greco anthropos, uomo). La ricerca è volta a dimostrare che gli esseri umani sono diventati la singola forza più determinante sul pianeta.

Edward Burtynsky, Tyrone Mine #3, Silver City, New Mexico, USA 2012 photo © Edward Burtynsky, courtesy Admira Photography, Milan / Nicholas Metivier Gallery, Toronto

LEGGI ANCHE: La guida pratica per eliminare la plastica dalla propria vita

© Riproduzione Riservata