FOTOGRAFIA - Will McBride racconta Berlino

La Berlino del dopoguerra raccontata negli scatti del fotografo Will McBride

Dopo la Berlin Art Week di settembre e ottobre, Mese della Fotografia, uno dei nuovi spazi berlinesi dedicati alla fotografia, il C/O Berlin, inaugura la stagione espositiva con quattro grandi mostre...

Il C/O Berlin, il nuovo polo espositivo permanente dedicato alla fotografia, inaugura ufficialmente il 30 di ottobre con la mostra di Will McBride, ”I Fell in Love With the City”, cioè una selezione di scatti dal 1956 al 1963. Will McBride è un artista, pittore, scultore e fotografo statunitense e in questo progetto, racconta per immagini la ”sua” Berlino, quella di cui si è innamorato

MILANO – Dopo la Berlin Art Week di settembre e ottobre, Mese della Fotografia, uno dei nuovi spazi berlinesi dedicati alla fotografia, il C/O Berlin, inaugura la stagione espositiva con quattro grandi mostre (Magnum Contact Sheets, Picture Yourself e Talents 30) tra cui la personale di Will McBride, fotografo e artista di St.Louis (Missouri, USA). La mostra ”I Fell in Love With the City” sarà visitabile fino al 16 gennaio 2015. Precursore di artisti come Nan Goldin, Antoine d’Agata e Wolfgang Tillmans, Will McBride è stato il primo fotografo ad esporre all’Amerika Haus nel 1957, e proprio per questo motivo, il C/O Berlin ha deciso di inaugurare con lui.

LA MOSTRA – Alla fine degli anni cinquanta, Berlino è la città ideale dove un artista potrebbe vivere. Nonostante i conflitti ideologici si respira un soffio di libertà, soprattutto tra i giovani, e Will McBride vi giunge proprio in questi anni, per studiare Letteratura Americana alla Free University mentre lavora come fotogiornalista per la rivista Life. Tra macerie, reduci di guerra e beatnik, Will McBride trova i protagonisti perfetti dei suoi scatti, realizzati a distanza ravvicinata con una Leica. “I Fell in Love With the City” è un diario intimo sulla città, creato quasi inconsciamente a dispetto di tutti i tipi di tendenze e mode; le immagini, circa un centinaio sono sgranate, con contrasti improvvisi di luce, e i soggetti sono spesso ritratti in pose audaci.

24 ottobre 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti