Sei qui: Home » Fotografia » Il dramma della Terra dei Fuochi nelle fotografie di Stefano Schirato
Scatti di denuncia

Il dramma della Terra dei Fuochi nelle fotografie di Stefano Schirato

In occasione della Giornata Internazionale ONU sulla nonviolenza, arriva a Milano la mostra fotografica sui disastri ambientali operati dalle mafie nel Sud Italia

MILANO – Un’esposizione di 25 scatti, tratti dal volume “Terra Mala” a opera del fotografo e reporter Stefano Schirato, denuncia il degrado ambientale del territorio tra Napoli e Caserta causato dagli atti criminali delle mafie. Proprio oggi, in occasione della Giornata Internazionale ONU sulla nonviolenza, inaugura presso la sede di GUNA a Milano la mostra aperta a tutti gratuitamente, ma visitabile solo su appuntamento, in cui è possibile ammirare queste fotografie di denuncia. Gli scatti saranno visibili fino al 23 dicembre.

La mostra

Il 2 ottobre si celebra la Giornata Internazionale della Nonviolenza indetta dall’ONU, un giorno per ricordare, educare e agire in nome della cultura della pace, della tolleranza e della giustizia, e in memoria del Mahatma Gandhi, di cui il 2 ottobre si festeggia l’anniversario della nascita. GUNA, azienda farmaceutica italiana, da parecchi anni in occasione della ricorrenza organizza varie iniziative sociali che coinvolgono i dipendenti. Quest’anno ha invitato il fotoreporter Stefano Schirato che allestirà presso la sua sede di via Palmanova 69 a Milano una mostra che raccoglie i migliori scatti dell’autore sul dramma della terra dei fuochi.  Con questa mostra, aperta al pubblico gratuitamente su appuntamento dal 2 ottobre al 23 dicembre nella fascia oraria 08:30 – 17:00, GUNA intende contribuire a denunciare gli atti criminali delle ecomafie legati all’industria dei rifiuti che hanno provocato il più grande disastro ambientale d’Italia, con milioni di rifiuti tossici smaltiti illegalmente negli ultimi 30 anni e gravi ripercussioni ancora oggi sul suolo, sui prodotti agricoli, sull’allevamento e sulle falde acquifere.

Il reporter

Stefano Schirato , classe 1974, da più di quindici anni lavora come fotoreporter dedito a temi sociali.  Già noto a livello internazionale per lo scioccante reportage dalla “zona rossa” di Chernobyl ha collaborato con testate internazionali del calibro di New York Times, CNN, Vanity Fair, Al Jazeera, Le Figaro e National Geographic . In occasione della mostra, ha selezionato  25 immagini iconiche dal suo reportage “Terra Mala”, il reportage fotografico  che mette a nudo il degrado del territorio e le pressioni camorristiche, mostrando le condizioni in cui bambini, donne e uomini sono costretti a vivere ogni giorno in quella zona d’Italia, un’area di 55 municipi compresa tra le province di Napoli e di Caserta.

 

© Riproduzione Riservata