mostre da non perdere

“Come in uno specchio”, la mostra di fotografia per celebrare i 90 anni di Berengo Gardin

"Come in uno specchio" è la mostra di fotografia per celebrare il grande fotografo Berengo Gardin. La mostra, inaugurata a Milano l'11 febbraio scorso, resterà aperta al pubblico fino al 5 aprile
"Come in uno specchio", la mostra di fotografia per celebrare i 90 anni di Berengo Gardin

Continua dopo la pubblicità

La mostra “Come in uno specchio. Fotografie con testi d’autore” è un omaggio che Milano, la città d’adozione del fotografo Gianni Berengo Gardin, rende al maestro nell’anno del suo novantesimo compleanno.
La mostra è stata organizzata nello spazio Forma Meravigli da Contrasto e resterà aperta al pubblico fino al 5 aprile prossimo.

Guarda la galleria fotografica

Berengo Gardin

Berengo Gardin Venezia 1959

Chi è Gianni Berengo Gardin

Il fotografo, ligure di nascita ma milanese d’adozione, in oltre sessant’anni di carriera ha raccontato un’epoca e insieme la società che cambiava. Si è dedicato alla fotografia d’inchiesta, firmando vari reportage con temi sociali come i manicomi, Venezia e le grandi navi, gli zingari, le fasi di realizzazione dei progetti architettonici. Ma per Berengo Gardin, tutto è sociale in quanto parte della società. La fotografia è un documento e dev’essere rigorosamente in bianco e nero perché il colore distrae. 

La mostra

Nella sua lunga carriera, Berengo Gardin ha incontrato molti personaggi, artisti, architetti, rappresentanti dell’arte e della cultura e, a 24 di questi, è stato chiesto di scegliere una fotografia dall’immenso archivio del fotografo (circa 250 libri fotografici per un totale di oltre un milione e ottocento mila fotografie) e di commentarla.
Ecco perché Fotografie con testi d’autore. Si tratta di 24 foto selezionate e di 24 amici, intellettuali, colleghi, artisti, giornalisti, registi, architetti e scrittori. I loro testi, accostati a ciascuna delle foto individuate, permettono ancor di più di ragionare sul valore di testimonianza sociale ed estetica delle immagini esposte. Così ci sono foto scelte e commentate da registi come Marco Bellocchio o Carlo Verdone, da amici e colleghi come Ferdinando Scianna o Sebastiao Salgado, o ancora da architetti come Stefano Boeri o Renzo Piano.
A corredo della mostra, l’esposizione del libro edito da Contrasto Vera fotografia e una selezione di stampe vintage e moderne del maestro.

[amazon_link asins=’8869656578′ template=’ProductCarousel’ store=’libreriamo-21′ marketplace=’IT’ link_id=’afb67b15-e6ff-44de-a0ec-331b30fd2f3d’]

 

 

 

Continua dopo la pubblicità

© Riproduzione Riservata